Lo Strillone: Fuksas esordisce a Mosca, su La Stampa il suo progetto per il Museo del Politecnico. E poi don Milani pittore, PacMan al MoMA, il Tibet in trasferta a Treviso…

In Russia con amore: c’è sempre una prima volta! La Stampa si congratula con Massimiliano Fuksas, che ottenendo l’incarico per il Museo del Politecnico compie il proprio esordio all’ombra del Cremlino. Corsi e ricorsi storici sull’onda di vecchi ricordi da Guerra Fredda: Quotidiano Nazionale vola a New York per giocare a PacMan, finalmente entrato nella […]

Quotidiani
Quotidiani

In Russia con amore: c’è sempre una prima volta! La Stampa si congratula con Massimiliano Fuksas, che ottenendo l’incarico per il Museo del Politecnico compie il proprio esordio all’ombra del Cremlino. Corsi e ricorsi storici sull’onda di vecchi ricordi da Guerra Fredda: Quotidiano Nazionale vola a New York per giocare a PacMan, finalmente entrato nella collezione di videogame del MoMA.

Avvenire presenta il programma della Biennale della Democrazia, in corso di preparazione a Torino. Don Lorenzo Milani? Era anche pittore: lo svela Libero, che presenta la retrospettiva fiorentina a Palazzo Corsini – Suarez.

Ha bruciato, solo in prevendita, 50mila biglietti; e se non arriva a 400mila visitatori poco ci manca. Non è solo David Bowie a fare impazzire Londra: Corriere della Sera racconta la grande mostra su Pompei ed Ercolano accolta al British Museum, tra reperti e avveniristiche ricostruzioni 3D. L’Unità a Treviso: alla Casa dei Carraresi la grande mostra sull’arte suntuaria tibetana.

 – Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.