Lo Strillone: la cultura ai tempi della campagna elettorale su L’Unità, con l’appello ai candidati da parte del Comitato per la Bellezza. E poi un nuovo ingresso “italian style” per il Metropolitan, la crisi della Scuola Archeologica Italiana ad Atene, incognita redditometro su Arte Fiera…

Cultura in politica: dalle colonne de L’Unità il Comitato per la Bellezza intitolato ad Antonio Cederna chiede ai diversi candidati di prendere posizione sul tema della tutela e valorizzazione del patrimonio. Magari partendo da quel Caravaggio in mostra allo Sforzesco: per Avvenire l’esposizione del famigerato Fondo Peterzano offre pochi spunti critici; anche se una prima […]

Quotidiani
Quotidiani

Cultura in politica: dalle colonne de L’Unità il Comitato per la Bellezza intitolato ad Antonio Cederna chiede ai diversi candidati di prendere posizione sul tema della tutela e valorizzazione del patrimonio. Magari partendo da quel Caravaggio in mostra allo Sforzesco: per Avvenire l’esposizione del famigerato Fondo Peterzano offre pochi spunti critici; anche se una prima risposta arriva da Corriere della Sera: intervista a Ilaria Borletti Buitoni, presidente FAI, in campo con la lista di Mario Monti.

Chi non ha problemi di soldi, per La Stampa, è il miliardario David Koch: che scuce 65 milioni di dollari al Metropolitan per dotarlo di un nuovo accesso, ispirato alle linee di Piazza di Spagna.

Girano sempre meno soldi: timori, su Quotidiano Nazionale, per Arte Fiera, su cui pesa l’incognita redditometro; intanto il manifesto lancia l’allarme per l’agonizzante Scuola Archeologica Italiana ad Atene. Ma quanto vale, in soldoni, il patrimonio culturale italiano? Lo Stato ricalcola: per Milano Finanza siamo a 151 miliardi di euro.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.