Si riapre il thriller della Flagellazione di Piero della Francesca. Ecco il book-trailer del libro che vuole scardinare secoli di identificazioni: frugando tra i segreti di casa Montefeltro

Per sottofondo un tappeto musicale ansiogeno. Immagini virate sul bianco, fredde e distaccate. Un castello, un omicidio, un mistero. L’ipotesi di scambi di persone. Ingredienti da thriller per un book-trailer che lancia in realtà nuove interpretazioni su uno dei capolavori più indagati e misteriosi del Rinascimento. Con quel fare a metà strada tra Enrico Ruggeri […]

La Flagellazione di Piero della Francesca
La Flagellazione di Piero della Francesca

Per sottofondo un tappeto musicale ansiogeno. Immagini virate sul bianco, fredde e distaccate. Un castello, un omicidio, un mistero. L’ipotesi di scambi di persone. Ingredienti da thriller per un book-trailer che lancia in realtà nuove interpretazioni su uno dei capolavori più indagati e misteriosi del Rinascimento. Con quel fare a metà strada tra Enrico Ruggeri e Roberto Giacobbo, ecco a voi Andrea Aromatico, giornalista e scrittore urbinate con un certo feeling per l’ignoto: se è vero che la rete lo accredita come direttore della rivista di esoterismo Secreta, ideatore di un fumetto ispirato a satanismo e dintorni, oltre che autore di un discreto numero di saggi che frugano tra alchimia, pratiche magiche e misteri vari. E che ora si propone di svelare inquiete verità sulla Flagellazione di Cristo di Piero della Francesca; in particolare, è ovvio, sul nome delle tre figure in primo piano.
Oggetto di una raffica in interpretazioni e proposte, dai tempi di Longhi in poi. Chi è il giovane biondo al centro del trio? Oddantonio, fratellastro di Federico da Montefeltro? Oppure uno dei vari e disparati figli del conte: Guidobaldo? O forse Bonconte? Per l’Aromatico la questione è più complessa del previsto, e avrebbe a che vedere con il mai del tutto chiarito rapporto tra i Montefeltro e la stirpe degli Ubaldini della Carda, il cui patriarca Ottaviano sarebbe fratello naturale dello stesso conte Federico. Il mistero si infittisce. E si dipana nel Flagellazione che Aromatico ha appena dato alle stampe, promettendo un’indagine storica ineccepibile, il rinvenimento di documenti inediti, ricerche ventennali tra archivi e biblioteche. Una pista credibile o la fantasia di un Dan Brown di provincia? Leggere per credere…

– Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.
  • Mi sembra veramente molto arduo porre delle tesi alternative a quelle che Silvia Ronchey magistralmente riporta in “L’enigma di Piero” (Rizzoli, 2006), sono comunque molto curioso di leggere di questa nuova ipotesi.