Oliver Laric si porta a casa il succulento premio Commission to Collect della Contemporary Art Society. Giovani artistar crescono, in UK. Grazie alla ribalta di un art prize

È uno dei più consistenti premi in denaro del Regno Unito, tra quelli dedicati all’arte contemporanea. Ben 60.000 sterline, offerte dalla Fondazione Sfumato, grazie all’impegno dell’ente promotore, la Contemporary Art Society, da molti anni attiva in un lavoro di promozione istituzionale e di supporto alle nuove produzioni contemporanee. Obiettivo del Commission to Collect art prize […]

Oliver Laric - Skulpturhalle Basel

È uno dei più consistenti premi in denaro del Regno Unito, tra quelli dedicati all’arte contemporanea. Ben 60.000 sterline, offerte dalla Fondazione Sfumato, grazie all’impegno dell’ente promotore, la Contemporary Art Society, da molti anni attiva in un lavoro di promozione istituzionale e di supporto alle nuove produzioni contemporanee. Obiettivo del Commission to Collect art prize è infatti quello di sostenere i musei e le gallerie nelle loro vesti di committenti, invitandoli a presentare dei progetti d’artista, che, una volta realizzati, entreranno a far parte delle collezioni permanenti.
A meritarsi quest’anno l’ambito riconoscimento è Oliver Laric, classe 1981, nato a Monaco ma con base a Berlino; il suo progetto era presentato dalla Collection e Usher Gallery di Lincoln, che ospiterà il nuovo lavoro tra circa un anno.
Il premio ha spesso funzionato da definitivo trampolino di lancio per artisti emergenti, già apprezzati sulla scena internazionale, consacrando figure come quelle di Kateřina Šedá, Luke Fowler e Christina Mackie, e portando loro una discreta fortuna: Fowler, per esempio, dopo la vittoria arrivò nella short list  del Turner Prize 2012.
A presentare il premio, durante la serata ufficiale alla David Roberts Art Foundation di Londra, c’era quest’anno Jeremy Deller. Un ottimo padrino per il giovane Laric. Un nome di cui, probabilmente, sentiremo molto parlare nei prossimi anni…

– Helga Marsala 

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.
  • Nausea…..

  • Arthur

    Andare ad un corso di uncinetto noooo ?

  • inga

    Basta.Fate passare la voglia.Meglio l’hardiscount.

    • Patricia

      Davvero. Odio la sensazione di vedere dei lavori e avere subito voglia di andare a zappà la terra.