Promossi? Da Enzo Cucchi a Perino&Vele, artisti a confronto a Roma: per la mostra finale del LUISS Master of Art

In questa occasione, più che mai, il risultato sarà legato all’apprezzamento di chi visiterà la mostra. Un parametro che vale sempre, e che troppo spesso viene dimenticato: ma che per la mostra Catarifrangenze. Artisti a confronto, che si inaugura a Roma negli spazi della Pelanda, assume una valenza speciale. Si tratta infatti del progetto espositivo […]

Enzo Cucchi

In questa occasione, più che mai, il risultato sarà legato all’apprezzamento di chi visiterà la mostra. Un parametro che vale sempre, e che troppo spesso viene dimenticato: ma che per la mostra Catarifrangenze. Artisti a confronto, che si inaugura a Roma negli spazi della Pelanda, assume una valenza speciale. Si tratta infatti del progetto espositivo ideato dagli allievi della seconda edizione del LUISS Master of Art, e quindi il riscontro “sul campo” diventa oltremodo significativo.
Ad Artribune tocca più che mai astenersi da valutazioni, essendo in qualche modo in “conflitto di interessi”, per aver tenuto nell’ambito del master – con diversi membri dello staff di direzione – un corso sul tema Editoria periodica dell’arte. Ricordiamo quindi che la mostra, curata sotto la guida di Achille Bonito Oliva, parte dal confronto fra due maestri come Enzo Cucchi e Michelangelo Pistoletto, rappresentanti dei due movimenti italiani celebri nel mondo, Transavanguardia e Arte Povera, e quattro artisti delle generazioni successive, Franco Losvizzero, Perino&Vele, Francesca Romana Pinzari, Pietro Ruffo. E consentiteci soltanto un “in bocca al lupo”…

Inaugurazione: lunedì 5 novembre 2012 – ore 19.00
Dal 5 al 28 novembre 2012
Piazza Orazio Giustiniani, 4 – Roma
[email protected]


CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.
  • Geronimo

    Spazi della Pelanda. Un nome adattissimo a questo scontro tra giganti.

  • Adriano

    La mostra era davvero bella peccato che è durata poco. Ci siamo capitati per caso ma il livello era davvero alto. Su tutti il lavoro di Enzo Cucchi, anche se pochi pezzi, e di Franco Losvizzero con il totem di vetro e la giostra meccanica. Incredibile scoperta.

  • Giada

    Tutto gli si può dire ma non che non è un genio nello scoprire nuovi artisti. Achille Bonito Oliva è un furbacchione ed è vero che Lo Svizzero è un’altro genio, in questo concordo appieno
    .