Lo Strillone: Renzi attacca via twitter, Ornaghi si difende su Avvenire. E poi Hirst mattatore a Torino, fondi in arrivo in Campania, Kentridge approda al Maxxi…

Tuoni via twitter da Renzi contro Ornaghi: “il Ministero dei Beni Culturali non funziona, è vittima dei burocrati”. In una breve su Avvenire la replica del ministro: “le lamentazioni in sé non bastano”. Dopo l’acuto lanciato in anteprima su Artribune Luca Nannipieri torna sul luogo del delitto. E che delitto! “Occorre il parricidio” attacca il […]

Quotidiani
Quotidiani

Tuoni via twitter da Renzi contro Ornaghi: “il Ministero dei Beni Culturali non funziona, è vittima dei burocrati”. In una breve su Avvenire la replica del ministro: “le lamentazioni in sé non bastano”. Dopo l’acuto lanciato in anteprima su Artribune Luca Nannipieri torna sul luogo del delitto. E che delitto! “Occorre il parricidio” attacca il suo pezzo su Libero: a margine di Florens 2012 considerazioni al vetriolo sulla necessità di rottamare l’establishment della cultura italiana.

Qualcosa, però, nel marasma dei Beni Culturali sembra muoversi: su Italia Oggi la notizia della prossima destinazione di 36milioni di euro per interventi vari in Campania. Mentre Il Sole 24Ore anticipa i possibili accordi tra il demanio e il Collegio Romano: con il mercato immobiliare fermo si raffredda la pista della (s)vendita del patrimonio immobiliare pubblico, prende piede quella della valorizzazione.

Inaugura oggi Hirst alla Pinacoteca Agnelli, ed è un fiorire di anticipazioni formato grandi firme. Su Il Giornale tocca a Luca Beatrice entrare nel merito; su La Stampa (dove è comprensibile l’ampio risalto ad Artissima) ci scappa l’intervista di Francesco Bonami all’artistar. E intanto Avvenire vola al Maxxi per la mostra di William Kentridge.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.