Artribune in campo anche per Paris Photo. Prima fotogallery dalla fiera al Grand Palais, in attesa della full immersion negli eventi cittadini

A meno di un mese dalla Fiac, gli affascinanti spazi del Grand Palais si aprono per la fiera “consorella” Paris Photo, sempre più intenzionata a confermarsi come rassegna di punta a livello globale per il mezzo fotografico. E questo non solo con un’organizzazione ogni anno più strutturata della fiera stessa, che quest’anno – la sedicesima […]

A meno di un mese dalla Fiac, gli affascinanti spazi del Grand Palais si aprono per la fiera “consorella” Paris Photo, sempre più intenzionata a confermarsi come rassegna di punta a livello globale per il mezzo fotografico. E questo non solo con un’organizzazione ogni anno più strutturata della fiera stessa, che quest’anno – la sedicesima edizione si apre oggi al pubblico – schiera 151 espositori, con i maggiori players specializzati e oltre mille artisti rappresentati: ma anche con il supporto pieno di tutta la città, mobilitata con un ricchissimo programma di eventi settoriali, che coinvolgono i maggiori spazi espositivi e le istituzioni. Di molti dei migliori vi informeremo in questi giorni, con la solita “redazione mobile” che Artribune ormai mette in campo per tutti gli eventi capitali, anche a livello internazionale. Quanto alla fiera, intanto vi diamo una prima sensazione del clima, con qualche foto della preview – presidiata, vedete foto, anche dal ministro Filippetti -: nota non troppo esaltante per i colori italiani, rappresentati soltanto da due gallerie – Guido Costa Projects e Photo&Contemporary – ed entrambe torinesi, a rimarcare legami transalpini ancora forti…

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.