Artribune in campo anche per Paris Photo. Prima fotogallery dalla fiera al Grand Palais, in attesa della full immersion negli eventi cittadini

A meno di un mese dalla Fiac, gli affascinanti spazi del Grand Palais si aprono per la fiera “consorella” Paris Photo, sempre più intenzionata a confermarsi come rassegna di punta a livello globale per il mezzo fotografico. E questo non solo con un’organizzazione ogni anno più strutturata della fiera stessa, che quest’anno – la sedicesima […]

A meno di un mese dalla Fiac, gli affascinanti spazi del Grand Palais si aprono per la fiera “consorella” Paris Photo, sempre più intenzionata a confermarsi come rassegna di punta a livello globale per il mezzo fotografico. E questo non solo con un’organizzazione ogni anno più strutturata della fiera stessa, che quest’anno – la sedicesima edizione si apre oggi al pubblico – schiera 151 espositori, con i maggiori players specializzati e oltre mille artisti rappresentati: ma anche con il supporto pieno di tutta la città, mobilitata con un ricchissimo programma di eventi settoriali, che coinvolgono i maggiori spazi espositivi e le istituzioni. Di molti dei migliori vi informeremo in questi giorni, con la solita “redazione mobile” che Artribune ormai mette in campo per tutti gli eventi capitali, anche a livello internazionale. Quanto alla fiera, intanto vi diamo una prima sensazione del clima, con qualche foto della preview – presidiata, vedete foto, anche dal ministro Filippetti -: nota non troppo esaltante per i colori italiani, rappresentati soltanto da due gallerie – Guido Costa Projects e Photo&Contemporary – ed entrambe torinesi, a rimarcare legami transalpini ancora forti…

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.