Lido Updates: ancora Medio Oriente, ancora una regista donna. Critica divisa su Fill the Void, dell’israeliana Rama Burshtein, in corsa per il Leone d’oro. Ne vediamo un clip…

Fill the Void (Lemale Et Ha’ Chalal), film israeliano della regista Rama Burshtein in corsa per il Leone d’oro, spacca nettamente il giudizio della critica. I titoli di coda, all’anteprima stampa di ieri sera, 1 settembre, si accompagnano da una parte ad applausi convinti, dall’altra a fischi sonori. Certamente non si tratta di un film […]

Un'immagine da Fill the Void

Fill the Void (Lemale Et Ha’ Chalal), film israeliano della regista Rama Burshtein in corsa per il Leone d’oro, spacca nettamente il giudizio della critica. I titoli di coda, all’anteprima stampa di ieri sera, 1 settembre, si accompagnano da una parte ad applausi convinti, dall’altra a fischi sonori. Certamente non si tratta di un film facile, lo si ama o lo si odia… Ambientato nella comunità ultra ortodossa di Tel Aviv, racconta la storia di una giovane ragazza condizionata dagli eventi a prendere per marito il vedovo della sorella morta di parto. E sia le tematiche religiose che la condizione della donna in Medio Oriente fanno nuovamente capolino al Lido…

– Beatrice Fiorentino

CONDIVIDI
Beatrice Fiorentino
Giornalista freelance e critico cinematografico, scrive per la pagina di Cultura e Spettacoli del quotidiano Il Piccolo e per diverse testate online. Dal 2008 collabora con l'Università del Litorale di Capodistria, dove insegna Linguaggio cinematografico e audiovisivo. Dal 2015 cura la sezione Nuove Impronte di ShorTS - International Film Festival e fa parte della commissione Film della Critica del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani. Cura eventi, presentazioni e rassegne cinematografiche e dal 2016 è selezionatore per la Settimana Internazionale della Critica di Venezia.