Venezia Updates: nell’anno della crisi mondiale, alla Biennale sbarcano i paesi più poveri. Tra verde e urbanistica sostenibile, ecco le immagini della prima dell’Angola…

Giardino come luogo di piacere? No, nelle favelas di Luanda la vegetazione diventa infrastruttura. Le piante (semplici canneti) vogliono invadere tutti gli spazi liberi tra le case, e farsi mezzi per purificare l’aria, per filtrare l’acqua e diventare materia prima per il biogas. Già, parliamo di Angola: uno dei paesi più poveri al mondo, che […]

Giardino come luogo di piacere? No, nelle favelas di Luanda la vegetazione diventa infrastruttura. Le piante (semplici canneti) vogliono invadere tutti gli spazi liberi tra le case, e farsi mezzi per purificare l’aria, per filtrare l’acqua e diventare materia prima per il biogas. Già, parliamo di Angola: uno dei paesi più poveri al mondo, che – potere della Biennale – sbarca per la prima volta a Venezia paradossalmente in uno dei peggiori momenti di crisi globale degli ultimi decenni. E parliamo della capitale, una città dove la densità abitativa è follemente elevata, dove vivono fino a 53mila persone per km quadrato, e dove manca qualsiasi tipo di infrastruttura. Ci pensa Common Ground – vedere la fotogallery – a proporre un diverso modo di concepire gli spazi urbani e creare risorse eco-friendly…

– Marta Santacatterina

Beyond Entropy Angola
Isola di San Giorgio Maggiore
A cura di stefano Rabolli Pansera e Paula Nascimento

 

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.