Troppo scomodo muoversi a Venezia, tra battelli affollati e infinite scarpinate? Adesso c’è il Vaporetto dell’Arte. Hi-tech, puntuale e dedicato solo agli art lovers. Un giro lungo il Canale, tra musei, teatri e fondazioni

Tra festival del Cinema, Biennali d’arte, teatro, musica, architettura, e una fitta rete di musei e fondazioni, Venezia è, nell’immaginario collettivo, la città per eccellenza delle grandi kermesse creative. Città galleggiante, città scenografica, città come un’immensa quinta teatrale. Incantevole, quanto scomoda. Vaporetti stracolmi, scale, calle e callette, alta marea, isole e banchine: percorrerla in lungo […]

Il Vaporetto dell'Arte

Tra festival del Cinema, Biennali d’arte, teatro, musica, architettura, e una fitta rete di musei e fondazioni, Venezia è, nell’immaginario collettivo, la città per eccellenza delle grandi kermesse creative. Città galleggiante, città scenografica, città come un’immensa quinta teatrale. Incantevole, quanto scomoda. Vaporetti stracolmi, scale, calle e callette, alta marea, isole e banchine: percorrerla in lungo e in largo, durante le ripetute invasioni dei turisti dell’arte, non è proprio agevolissimo. Ma, questo è certo, un buon sistema culturale locale si valuta anche in base alla capacità di creare circuiti efficienti, rispetto alla mobilità, al coordinamento territoriale, ai servizi. È per questo che nasce il Vaporetto dell’Arte, pensato per offrire ai visitatori di mostre ed eventi una nuova opportunità di movimento in centro storico. Puntualità, frequenza, optional hi-tech, comfort, informazione. Il tutto mettendo in rete diverse istituzioni cittadine.

Attivi sette giorni su sette, dalle 9 alle 19, con partenze dai capolinea ogni 30 minuti, i battelli – ottanta posti a sedere e circa 20 in piedi – sono dotati di poltrone con monitor e sistema audio-video multilingue e funzionano secondo un sistema hop on/hop off: nell’arco della validità del biglietto, i turisti possono salire e scendere a piacimento, fermandosi a visitare musei, monumenti, teatri ed esposizioni tra le oltre 20 prestigiose sedi del patrimonio artistico e culturale veneziano.
Ultima coccola per i passeggeri: a bordo, gratuitamente, sono disponibili dei welcome kit con guida cartacea che illustra il percorso lungo il Canal Grande, auricolare e un pieno di informazioni sulle istituzioni partner. Assicurate, infine, una serie di agevolazioni riservate dalle stesse istituzioni ai clienti del nuovo art-boat. Da oggi, per gli art lovers, sarà un po’ più facile attraversare Venezia, sulle tracce di opening, spettacoli, collezioni e concerti. Aderiscono al progetto: Biennale di Venezia, Fondazione Grassi, Fondazione Giorgio Cini, Collezione Peggy Guggenheim, Fondazione Vedova, Museo Ebraico, Fondazione Musei Civici, Teatro La Fenice, ondazione Bevilacqua La Masa, Fondazione Prada, Fondazione Querini Stampalia.

– Helga Marsala

www.vaporettodellarte.com

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.
  • JK

    bella cosa! :-)

  • Ma quanto costa il biglietto?
    Comunque io adoro, da turista, i vaporetti affollati e caotici. Chi si lamenta è il veneziano che vive e lavora nell’area.
    Sara

  • Buongiorno, abbiamo trovato questo post e vi ringraziamo per l’attenzione che ci avete dedicato sul vostro ricchissimo blog.
    Aggiungiamo al vostro post qualche dettaglio commerciale sul costo del servizio e sulle possibilità di acquisto.
    Il costo del biglietto standard durata 24 ore (dalla validazione) è €24 con riduzione a €15 per bambini 6-11 e per diversamente abili + accompagnatore. inoltre per venire incontro a quanti in città rimangono più giorni e che desiderano poter prendere qualsiasi mezzo (sia linee di navigazione che autobus) è previsto un abbinamento al biglietto turistico a tempo (12,24,36,72 ore e 7 giorni) con €10 in più. Il biglietto vaporetto dell’arte assume la durata del biglietto a tempo acquistato. L’abbinamento è assicurato anche per i giovani che acquistano la Rolling venice: Carta Rolling+biglietto 72ore+Vaporetto dell’Arte=€ 32 anziché €49.
    Per il massimo della comodità e del vantaggio abbinare il biglietto Vaporetto dell’Arte a Venice Card (nelle versioni Adult, Junior e la nuovissima San Marco) http://www.venicecard.it

    Per altre informazioni rimandiamo al sito http://www.vaporettoarte.com e per gli aggiornamenti sugli eventi e novità alla nostra pagina su Facebook VaporettoArte