Saloni Updates: quando il focolare domestico è chic. Il racconto di una serata da Appartamento Lago, con tanto di fotogallery. Convivialità, oggetti d’arredo e food-design

Entrare nell’Appartamento Lago in via Brera 30, durante il Fuorisalone, è una specie di dovere, un po’ come quando si cammina lungo la strada in cui abita un amico e ci si sente obbligati a bussare. Giusto per vedere se c’è. Lo si fa per cortesia, per piacere, per nostalgia, magari per la curiosità di […]

Appartamento Lago

Entrare nell’Appartamento Lago in via Brera 30, durante il Fuorisalone, è una specie di dovere, un po’ come quando si cammina lungo la strada in cui abita un amico e ci si sente obbligati a bussare. Giusto per vedere se c’è. Lo si fa per cortesia, per piacere, per nostalgia, magari per la curiosità di inciampare in qualche novità. E poi, la prossima occasione, arriva chissà quando: meglio citofonare e togliersi il pensiero. Qui, in effetti citofonare non serve. Basta fare qualche minuto di fila e salire al secondo piano. Non occorre nemmeno suonare il campanello, perché la porta è sempre aperta ai nuovi visitatori. L’atmosfera calda e familiare di questo singolare spazio – un po’ showroom, un po’ casa privata – è la stessa da tre anni. E come tutti gli anni, ci si perde tra le stanze, ad ammirare i lucidi scaffali colmi di libri, il letto sospeso per aria, una invidiabile sauna installata in bagno, gli ormai classici moduli rettangolari multiuso sulle pareti e le stoviglie in bella vista in una delle due cucine. E proprio in cucina, all’interno dell’area Social, abbiamo beccato alcuni ospiti-inquilini intenti a preparare una serata dedicata al food-design, una delle tante iniziative che Lago propone ai suoi visitatori: produttori di qualità, nuovi talenti e performance culinarie si avvicendano ogni giorno, durante la desing week, da mezzogiorno fino a sera. Il progetto è a cura di Essen – A Taste Magazine, testata web di ricerca sinergica tra arte e food culture. Scattare foto dentro l’appartamento Lago ti fa sentire un po’ in imbarazzo, quasi si trattasse di una violazione della privacy. Ma sappiamo che non è così e dunque ci abbiamo dato dentro con gli scatti. Ecco i momenti più belli secondo Artribune.

– Silvia Moretti

www.lago.it