Keith Haring sempre re a New York. Alla grande retrospettiva del Brooklyn Museum, risponde Sotheby’s con una Selling Exhibition alla galleria S|2

Se il Brooklyn Museum dedica una grandiosa retrospettiva dello street artist per eccellenza, Keith Haring: 1978-1982, Sotheby’s cavalca l’onda e gli dedica una Selling Exhibition nella galleria S|2 di New York. Inaugurata il 30 marzo, la mostra Keith Haring: Shine On espone opere su tela, sculture, oggetti, opere su tela cerata e opere su carta […]

Keith Haring - Untitled, 1982 (foto Sotheby's)

Se il Brooklyn Museum dedica una grandiosa retrospettiva dello street artist per eccellenza, Keith Haring: 1978-1982, Sotheby’s cavalca l’onda e gli dedica una Selling Exhibition nella galleria S|2 di New York. Inaugurata il 30 marzo, la mostra Keith Haring: Shine On espone opere su tela, sculture, oggetti, opere su tela cerata e opere su carta che saranno disponibili per trattative private e in esposizione fino al 23 aprile negli spazi di York Avenue.
Le opere su tela cerata raramente appaiono sul mercato, e da Sotheby’s se ne potranno trovare addirittura tre, di cui due del 1982 grandi 2,5 metri. In mostra anche opere non in vendita, rarissime, utilizzate per rappresentare tutti i più disparati medium utilizzati da Haring, come due esemplari di maschere. Da ricordare che proprio da Sotheby’s – lo scorso novembre – è stato battuto il record per una scultura di Haring: l’opera monumentale Untitled del 1986, è stata venduta a 1.8 milioni di dollari.

– Martina Gambillara

CONDIVIDI
Martina Gambillara
Martina Gambillara (Padova, 1984), laureata in Economia e Gestione dell'Arte, si è interessata fin dai primi anni dell'università al rapporto tra arte e mercato, culminato nella tesi Specialistica in cui ha indagato il fenomeno della speculazione nel mercato dell'arte cinese dell'ultimo decennio. Per passione personale si è costantemente dedicata all'osservazione dei risultati d'asta soprattutto del segmento di Arte Contemporanea, estrapolandone i trend e la correlazione con i mercati finanziari. In seguito il suo interesse si è spostato verso i mercati emergenti, da quello cinese scelto per la sua tesi, a quello sud-asiatico e mediorientale. Ha lavorato per gallerie, case d'asta e dal 2011 fa parte dello staff editoriale di Artribune.
  • Agnese De Donato

    non si potrà mai vedere il video di Keith Haring?????
    una sua grande fan