Lo Strillone: Hockney digital-analogico a Londra su L’Unità. E poi Salvadori, Mochetti e gli Orta al Maxxi, Walter De Maria da Gagosian, dimissioni al RISO…

ABO torna sul luogo del misfatto. Electa ripubblica L’ideologia del traditore, La Repubblica invita alla lezione che il nostro tiene oggi alla Sapienza, chiacchierando di postmoderno  delle interrelazioni tra arte e letteratura. Ruotano le opere della collezione permanente del Maxxi, Europa segnala – da oggi – l’accento posto sul Tridimensionale di Salvadori, Mochetti e gli […]

Quotidiani
Quotidiani

ABO torna sul luogo del misfatto. Electa ripubblica L’ideologia del traditore, La Repubblica invita alla lezione che il nostro tiene oggi alla Sapienza, chiacchierando di postmoderno  delle interrelazioni tra arte e letteratura. Ruotano le opere della collezione permanente del Maxxi, Europa segnala – da oggi – l’accento posto sul Tridimensionale di Salvadori, Mochetti e gli Orta.

Il primo piano de L’Unità è tutto per la mostra digital-analogica di sir Hockney in quel di Londra. Incasso totale previsto: 75milioni di dollari. Una breve su Quotidiano Nazionale anticipa la maxi-asta del prossimo 2 maggio da Sotheby’s: a NYC finiscono all’incanto Basquiat, Gorky, Mirò, Lichtenstein e Picasso. Omar Galliani in mostra al Museo Bilotti nelle recensioni de Il Fatto Quotidiano.

La banda dell’Italian Newbrow guidata da Ivan Quaroni, in mostra a Como, in taglio alto su Libero; una manchette de La Stampa annuncia Walter De Maria nel pied à terre romano di Gagosian. Su Corriere della Sera le dimissioni di Sergio Alessandro, direttore RISO; ma anche la doppia pagina per Klimt a Venezia, con contributo di Philippe Daverio sull’armonia tra arte visuale ed architettura in quella Vienna lì.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.