Terni? È very Fast. Nuovo corso per il festival umbro della creazione contemporanea, che debutta con Emma Dante

Undici giorni di spettacoli, installazioni, esperienze sensoriali, interventi urbani, incontri e momenti di festa. “11 giorni per scoprire che il futuro è più vicino di quello che appare. Una cittadella abiterà il fiume, spazi inconsueti saranno invasi, nuove lingue saranno parlate e nuove luci si accenderanno”. Dopo 5 anni di crescita e definizione della propria […]

Emma Dante

Undici giorni di spettacoli, installazioni, esperienze sensoriali, interventi urbani, incontri e momenti di festa. “11 giorni per scoprire che il futuro è più vicino di quello che appare. Una cittadella abiterà il fiume, spazi inconsueti saranno invasi, nuove lingue saranno parlate e nuove luci si accenderanno”.
Dopo 5 anni di crescita e definizione della propria identità, es.terni – il Festival Internazionale della Creazione Contemporanea organizzato a Terni negli spazi del Caos – Centro Arti Opificio Siri – vuole spingere ulteriormente sull’acceleratore, e cambia pure nome scegliendo quello di Fast. Un segnale chiaro per presentare una città – Terni – in corsa verso la contemporaneità e la sperimentazione, coinvolgendo teatro, danza, arti visive e incursioni urbane, inserite in “processi evolutivi che cambiano il mondo”.
Fra le basi del nuovo corso c’è l’incontro con alcuni tra i più interessanti progetti di arte performativa nazionali e internazionali, come la collaborazione con la Quadriennale di Praga, il progetto France Danse, il progetto Miniatures dedicato ai paesi del Mediterraneo e alcune vetrine dedicate agli artisti italiani emergenti come il Premio Generazione Scenario e Anticorpi XL.
Fittissimo il programma spalmato fra il 15 e il 25 settembre, per il quale rimandiamo al sito del festival: inaugurazione giovedì 15 con la performance live We are all made of moppets, installazione dell’artista MP5 (vincitrice di numerosi premi tra cui il premio Andrea Pazienza e il Premio Micheluzzi al Napoli Comicon come Miglior disegnatrice con il libro Acquastorta). Nella stessa serata appuntamento con la compagnia fiorentina Teatro Sotterraneo che coinvolgerà il pubblico dello Studio 1 a reagire a determinati impulsi legati alla risata e ai suoi meccanismi in “Homo Ridens”, e poi al Teatro Secci con Acquasanta di Emma Dante, acclamata regista siciliana la cui Carmen di Bizet ha inaugurato la stagione 2010 alla Scala di Milano.

www.ternifestival.it