Art austherity, anche gli USA a stecchetta. E al Brooklyn Museum salta la tappa East Coast della mostra di street art del MoCA Los Angeles

“La cancellazione della mostra è stata inevitabile, a causa dell’attuale clima di crisi finanziaria. Come la maggior parte delle organizzazioni artistiche del paese, dall’inizio della crisi economica, tre anni fa, abbiamo dovuto fare molte scelte difficili come questa”. Grecia? Portogallo? Forse Italia? No, la notizia di cui sopra arriva da un paese che nessuno immaginerebbe […]

Banksy - I Hate Mondays

La cancellazione della mostra è stata inevitabile, a causa dell’attuale clima di crisi finanziaria. Come la maggior parte delle organizzazioni artistiche del paese, dall’inizio della crisi economica, tre anni fa, abbiamo dovuto fare molte scelte difficili come questa”.
Grecia? Portogallo? Forse Italia? No, la notizia di cui sopra arriva da un paese che nessuno immaginerebbe alle prese con una realtà tanto preoccupante. Ovvero direttamente dagli States, e il protagonista – con le parole del direttore Arnold L. Lehman – non è un piccolo museo del Mid West, ma lo storico Brooklyn Museum. E la mostra alla quale si vede costretto a rinunciare è nientemeno la riproposizione di Art in the Streets, prima grande esposizione dedicata negli USA ai protagonisti di graffiti e street art, allestita fino ad agosto al Geffen Contemporary del Museum of Contemporary Art Los Angeles. Una mostra di cui si è parlato molto, anche con toni polemici, ma che comunque avrebbe garantito al Brooklyn grande seguito e visibilità sui media.

www.brooklynmuseum.org

  • …”a stecchetto” lo conoscevo, “a stecchetta” mi giunge proprio nuova. È una muova forma al femminile per “par condicio”. ;-) ;-) ;-)