Era il 6 aprile del 2009. Alle tre e mezza della notte un evento sismico straordinario colpiva la città dell’Aquila, sventrando interi edifici e consegnando alla storia una città fantasma, congelata nell’orrore delle macerie. Agghiacciante il bilancio finale: 308 vittime, 1500 feriti, 10 miliardi di euro di danni. Questa ferita aperta nel cuore del Paese, difficile da rimarginare – anche per via delle odiose lentezze nel processo di ricostruzione del centro urbano – ha coinvolto in più occasioni anche il mondo della cultura e dell’arte contemporanea. Incontri, dibattiti, saggi, riflessioni, ma anche opere d’arte, performance, produzioni musicali si sono susseguiti con accorata partecipazione. L’ultima esperienza creativa porta la firma di Gea Casolaro, artista romana, nota per il suo lavoro saturo di impegno sociale e attraversato da una forte componente umana. Il 31 dicembre del 2011, esattamente mille e un giorno dopo la tragedia, Gea ha realizzato un video a L’Aquila, “per ricordare la situazione ancora stagnante e al tempo stesso dare sostegno e speranza agli abitanti della città”.

A poco meno di un mese dal quarto anniversario del terremoto, Artribune pubblica il video in versione integrale: un progetto inedito, che sceglie il web come strumento di diffusione capillare e di condivisione.
La camera attraversa i vicoli disabitati, gli angoli solitari e rassegnati all’abbandono, passando dal buio pesto alla luce ambrata dei pochi lampioni accesi: un viaggio al termine della notte, circospetto, silenzioso, raccolto, col fiato sospeso e la malinconia nello sguardo; puntando, idealmente, verso l’alba. Tra i ponteggi addossati alle facciate, i palazzi diroccati, i cumuli di terra e di pietre, le saracinesche calate e le persiane chiuse, il percorso in mezzo al vuoto appare come un’operazione immaginifica: l’occhio e la camera diventano un dispositivo scopico che, accarezzando i luoghi e le cose, prende a produrre visioni. Così, nei 23 minuti esatti del film, i fantasmi di quella maledetta notte, insieme alle voci del futuro, si condensano sulla linea che congiunge il piano del reale, quello della memoria e quello dell’immaginazione.

L'Aquila
L’Aquila

In chiusura, un unico commento muto, parole scritte bianco su nero: “Ricostruire L’Aquila, per chi dal 6 aprile 2009 è rimasto nel buio e per tutti quelli che, da allora, sono venuti alla luce.” Di seguito un muro di nomi, che scorre sullo schermo: quelli dei bambini nati dopo il terremoto. Testimonianza di vita e di resistenza, sussurrata in fondo alla notte, a fugare l’ombra del terrore.

– Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.