Michelangelo Antonioni pittore. In mostra a Roma

28 Piazza di Pietra, Roma – fino al 29 febbraio 2016. Circa quaranta opere realizzate dal 2001 al 2007 sono in mostra nella Capitale. L’autore è un grande regista. Che dipingeva, anche.

Michelangelo Antonioni, Quartieri visti dall'alto, 2003
Michelangelo Antonioni, Quartieri visti dall'alto, 2003

Michelangelo Antonioni (Ferrara, 1912 – Roma, 2007) è universalmente noto per il suo grande contributo alla cinematografia italiana e internazionale, fin dal suo esordio come regista avvenuto nel 1950 con il lungometraggio Cronaca di un amore. Questa esposizione ci porta invece a conoscere un’altra grande passione del regista: la pittura. Circa quaranta le opere esposte: in diversi formati (acrilici su tela e cartoncini telati) ci portano in un universo astratto fatto di colore puro, i cui riferimenti sono da ricercare nella pittura del tardo Futurismo (ad esempio Fortunato Depero) e delle Avanguardie Russe, così come nell’Informale italiana di un Giuseppe Capogrossi. Una pittura solo apparentemente semplice, fatta di colori, segni e linee pure, che conduce in un universo essenziale e rarefatto di forme quasi primordiali.

Calogero Pirrera

Roma // fino al 29 febbraio 2016
Michelangelo Antonioni pittore
a cura di Enrica Antonioni e Francesca Anfosso
28 PIAZZA DI PIETRA
Piazza di Pietra 28
06 94539281
[email protected]
www.28piazzadipietra.com

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/49142/michelangelo-antonioni-pittore/

CONDIVIDI
Calogero Pirrera
Calogero Pirrera (1979) è uno storico dell’arte specializzato in arte moderna e contemporanea, videoarte, didattica museale e progettazione culturale. Vive attualmente a Roma. Ha collaborato con la cattedra di Istituzioni di Storia dell’Arte della Facoltà di Architettura di Valle Giulia, con alcune gallerie come Il Ponte Contemporanea e LipanjePuntin, oltre che con Festarte – Festival Internazionale di VideoArte, che lo vede impegnato nella mappatura globale dei festival di videoarte con la rubrica “International Contest”. Ha all’attivo alcune pubblicazioni che indagano l’arte antica come quella contemporanea. Tra le mostre curate si ricorda "Il Duomo di Milano dalla Lombardia all’Europa", ospitata presso il Duomo meneghino nel 2005 e il relativo catalogo. Ha scritto e scrive per EosArte, TribeArt e Artribune.