Tamàs Jovanovics a Milano

Maab Gallery, Milano – fino al 15 aprile 2015. A un anno esatto dalla chiusura della sua personale padovana, l’artista ungherese inaugura una nuova sismografica mostra. Dedicata alla rifrazione infinitesimale della linea.

Tamas Jovanovics – veduta della mostra presso la MAAB Gallery, Milano 2015
Tamas Jovanovics – veduta della mostra presso la MAAB Gallery, Milano 2015

Il lavoro di Tamàs Jovanovics (Budapest, 1974), quando si traspone su tela, quando viene ridotto, per necessità fisica, allo spazio pittorico, compie la medesima traslitterazione ortogonale che compie la volumetria di un solido proiettata su carta. L’artista, noto per le sue installazioni tridimensionali, in spazi ampi e dal contesto talvolta antico, ripropone nella sede milanese di MAAB Gallery uno studio longitudinale di tracciati policromi, dipinti su fondo scuro. Nonostante formati, dimensioni e serialità dei lavori regalino iridescenze ipnotiche, il fenomeno dell’assorbimento della luce, su due dimensioni, riesce comunque a riportare solo in parte la pratica di un artista che tridimensionalmente ha creato gabbie prospettiche più vive, creando scambi interattivi e percettivi di più ampia portata.

Ginevra Bria

Milano // fino al 15 aprile 2015
Tamàs Jovanovics
MAAB GALLERY
Via Nerino 3
02 89281179
[email protected]
www.artemaab.com

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/42070/tamas-jovanovics/

CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. E’ specializzata in arte contemporanea latinoamericana. In qualità di giornalista, in Italia, lavora come redattore di Artribune e Alfabeta2. Vive e lavora a Milano.