Settima sinfonia di Jorge Peris. L’incessante mutare della natura

Magazzino, Roma – fino al 30 aprile 2015. El Palmar, nella zona del Parco Naturale dell’Albufera, è il luogo dove Jorge Peris trasferisce il suo studio. Ed è qui che l’artista produce il suo lavoro, esposto interamente in galleria in occasione della sua seconda mostra personale.

Jorge Peris - veduta della mostra presso Magazzino, Roma 2015
Jorge Peris - veduta della mostra presso Magazzino, Roma 2015

La materia organica che costituisce le opere di Jorge Peris (Alzira, 1969), esposte a Magazzino dopo otto anni dalla sua prima mostra personale in galleria, emerge dalle acque del lago dell’Albufera, collegato attraverso lunghi canali al Mare delle Baleari. Una sinfonia composta da una ricca campionatura di oggetti inanimati che rinascono in una nuova forma, sia per l’azione del tempo che ne altera le superfici, sia per opera dell’artista, che organizza i suoi assemblage celebrando ogni congiuntura e bilanciando pesi ed equilibri al di là di una semplice logica. La solidificazione del sale, espressa sotto le forme dei cristalli ottenuti, i residui di cui la corrente del mare si arricchisce, provenienti da piante, alghe e animali morti, i resti rinvenuti di ruderi e costruzioni moderne, con evidenti tracce di abrasione marina, sono parte di uno scenario mistico che congeda tutti gli elementi dal normale fluire del tempo.

Donatella Giordano

Roma // fino al 30 aprile 2015
Jorge Peris – Dolmen, Sinfonia nr. 7
MAGAZZINO
Via dei Prefetti 17
06 6875951
[email protected]
www.magazzinoartemoderna.com

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/42813/jorge-peris-dolmen-sinfonia-n-7/

CONDIVIDI
Donatella Giordano
Curatore indipendente. Nata in Sicilia, vive a Roma dal 2001. Nel 2006 ha conseguito il diploma di laurea all’Accademia di Belle Arti di Roma con una tesi sulla Body Art. Insegna arte in una scuola pubblica. In veste di indipendent art curator ha curato mostre a: Palazzo delle Esposizioni, Roma; Scuderie Aldobrandini, Frascati; Fondazione Romaeuropa, Roma; Farm Cultural Park, Favara, AG; MAAM Museo dell’Altro e Dell’Altrove di Metropoliz, Roma. Ha collaborato come curatrice con centoxcentoperiferia e Arion, Roma; BOCS, Catania; Parking 095, Catania. È stata assistant curator presso il Macro, Roma; Gervasuti Foundation, Venezia. Nel 2012 ha pubblicato il catalogo “Quadratonomade, opere d’arte in scatola per un museo itinerante” edito da Gangemi. Nel 2013 il progetto Quadratonomade che ha co-curato, composto da 183 opere, è stato donato al Museo Roberto Bilotti Ruggi D’Aragona di Rende (CS), ora in esposizione permanente.