Un cutter per Cristian Chironi. A Milano

Artopia Gallery, Milano – fino al 3 aprile 2015. Negli spazi domestici di Artopia, l’artista sardo ritaglia orli dalle pagine di volumi di natura. Nel buio della performance, un taglierino provoca la nascita di un profumo, la nota acuta di un gorgoglìo oppure il soffio di un refolo d’aria.

Cristian Chironi – Cutter - veduta della mostra presso Artopia. Milano 2015
Cristian Chironi – Cutter - veduta della mostra presso Artopia. Milano 2015

La personale di Cristian Chironi (Nuoro, 1974) prende il titolo da un progetto concepito nel 2010 (sebbene siano presenti anche altre serie: Data, Folder e Cover). Cutter si è svolto, e continua a svilupparsi, come un’affastellata creazione di un diorama dinamico che, tra piani analogici e livelli digitali, mette in risalto profondità (simulate, artificiali, rappresentate) di natura. Nel buio dell’inaugurazione, l’artista, intento a svolgere, per quasi cinquanta minuti, la performance relativa al percorso di Cutter, attraverso il suo tavolo ultrapercettivo ha reso meccanico il sistema di presentificazione del paesaggio. Attraverso profumi artificiali, suoni digitali e proiezioni-simulacro, si è immedesimato nell’assenza di natura, impugnando la lama tagliente di un cutter e asportando il contorno di un dettaglio da un’immagine di un libro. Da pagina a pagina, ogni raffigurazione ha modificato significante e significato dell’immagine successiva, provocando un senso recondito di sottrazione e perdita, instillando una certa profondità di lettura della superficie.

Ginevra Bria

Milano // fino al 3 aprile 2015
Cristian Chironi – Cutter
RITA URSO | ARTOPIA
Via Lazzaro Papi 2
02 5460582
[email protected]
www.artopiagallery.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/42551/cristian-chironi-cutter/

CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. E’ specializzata in arte contemporanea latinoamericana. In qualità di giornalista, in Italia, lavora come redattore di Artribune e Alfabeta2. Vive e lavora a Milano.