Sensualità e paesaggio: un ricordo di Helmut Newton

Helmut Newton Foundation, Berlino – fino al 16 novembre 2014. Per il decennale della scomparsa del fotografo tedesco, la fondazione a lui dedicata gli rende omaggio con le due mostre che aprirono l’attività del museo proprio dieci anni fa. Reenactment di “Helmut Newton / Alice Springs: Us and Them” e “Helmut Newton: Sex and Landscapes”.

Alice Springs, Helmut Newton. Monte Carlo 1987 © Alice Springs

Helmut Newton morì a Berlino (dov’era nato nel 1920) nel 2004 e sua moglie June, conosciuta anche come Alice Springs, gli rende oggi omaggio riproponendo le esposizioni che avevano costruito insieme.
Us & Them è un diario fotografico di coppia dove Helmut e Alice racconta la loro vita: autoscatti, momenti di intimità, scatti reciproci, fotografie di personaggi dell’epoca, amici, attori e artisti, presi in fotografia dai due e allestiti come dittici in maniera comparativa. Sono scatti in bianco e nero, realizzati negli Anni Ottanta e Novanta in location internazionali: Saint-Tropez, Paris, Los Angeles. Questi ritratti presentano molteplici sfaccettature che diventano più intime e personali quando sono legate alla coppia: lì, nel gioco del reciproco ritratto, nasce un sentimento di amore vero e tangibile, che emoziona e trascina il pubblico nella loro unione. L’esposizione è anche un progetto editoriale: infatti nel 1998 Helmut e June raccolsero questi scatti in un libro che presentarono nei musei e gallerie di tutto il mondo.

Helmut Newton, Blonde and TV, Hotel Gallia, Milano 2002 © Helmut Newton Estate
Helmut Newton, Blonde and TV, Hotel Gallia, Milano 2002 © Helmut Newton Estate

La seconda mostra è Sex and Landscapese permette di scoprire un altro mondo di Newton, quello della ricerca della sensualità. Si alternano immagini di nudo e di paesaggio, fotografie in cui le nuvole del cielo giocano sul piano erotico quanto i capelli di una modella svestita. L’increspatura dell’acqua di un lago o i pori della pelle che rivelano una realistica umanità emozionano lo sguardo intento ad allenarsi alla ricerca del dettaglio, della naturalezza nella costruzione, del tempo sospeso e del respiro trattenuto. Grandi formati a colori e in bianco e nero, le fotografie esposte sono state scattate tra il 1974 e il 2001.
Era il 2003 quando Helmut donò parte della sua collezione alla Preußischer Kulturbesitz, fondazione artistico-culturale, che divenne la Newton Foundation l’anno successivo, prendendo posto nell’edificio neoclassico dell’ex casinò Landwehr. Con la sua superficie di 650 mq, la Helmut Newton Foundation è considerata la più grande area espositiva berlinese dedicata alla fotografia. In questi dieci anni, il museo ha presentato varie altre esposizioni sulla vita e la opere del  tedesco, che sapeva trovare l’armonia nei contrasti cromatici del suo costante bianco e nero, e sapeva mischiare nei suoi soggetti erotici e sensuali calore e freddezza in giusta proporzione.

Silvia Neri

Berlino // fino al 16 novembre 2014
Helmut Newton / Alice Springs – Us and Them
Helmut Newton: Sex and Landscapes
Helmut Newton Foundation
Jebensstrasse 2
+49 (0)30 31864855
[email protected]
www.helmutnewton.com

 

CONDIVIDI
Silvia Neri
Silvia Neri nasce a Vicenza nel 1985. Si laurea nel 2010 in Filologia Moderna presso l'Università degli Studi di Padova con una tesi in Storia dell'Arte contemporanea su Cremaster 3 di Matthew Barney. Nel 2008/2009 collabora con il Centro Nazionale di Fotografia di Padova. Scrive dal 2010 per la rivista AreaArte e collabora con artisti per la realizzazione di video e cortometraggi e allestimento di esposizioni d'arte. Vive a Parigi dove studia Art Contemporain et Nouveaux Medias a un master recherche all'Université di Paris 8 e collabora con la Galerie Bernard Bouche.