Olivia Erlanger e Andrew Norman Wilson: da Fluxia a Milano ancora questionari per i visitatori

Fluxia, Milano – fino al 10 maggio 2014. Olivia Erlanger e Andrew Norman Wilson (featuring Nick Bastis) presentano una doppia personale, uno sguardo su due mondi paralleli. Wilson irride l’agio della strutturazione, mentre la Erlanger medita sull’origine del vuoto.

Andrew Norman Wilson (feat. Nick Bastis), Group Therapy, 2014 - Courtesy Fluxia, Milano - photo Andrea Rossetti

Invece di un testo introduttivo, la doppia personale Material uncertainty di Olivia Erlanger (1990; vive a New York) e Andrew Norman Wilson (1983; vive a New York) presenta un questionario breve, alcune domande a trazione maieutica per il visitatore. I due artisti si pongono alcuni quesiti che rivolgono, di riflesso, anche a chi visita la mostra: “Come disegni la motivazione? Che cosa può fare il tuo corpo? Quali sono le condizioni sociali che favoriscono la solidarietà? Quale condizione ti fa sentire meglio rispetto alla produttività?”. In galleria, al primo piano, Wilson allestisce micro-architetture, postazioni geometriche circoscriventi ambienti interattivi, abitabili come gabbie aperte secondo una struttura discontinua. Al piano terra, invece, come se si passasse su un altro pianeta, l’emergente Erlanger allestisce una piccola personale atipica, rispetto ai lavori ai quali si è fin qui dedicata, mettendo in mostra il livello zero della propria ricerca, fra purezza e penetrazione del vuoto.

Ginevra Bria

Milano // fino al 10 maggio 2014
Olivia Erlanger / Andrew Norman Wilson (feat. Nick Bastis) – Material Uncertainty
FLUXIA 
Via Ventura 6
02 83425369
[email protected]

www.fluxiagallery.com

CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. E’ specializzata in arte contemporanea latinoamericana. In qualità di giornalista, in Italia, lavora come redattore di Artribune e Alfabeta2. Vive e lavora a Milano.