Il warentrenner dell’arte. Cos’è lo spiega Scotto Di Luzio

Galleria Fonti, Napoli – fino al 2 maggio 2014. Terza personale da Giangi Fonti per Lorenzo Scotto Di Luzio, artista partenopeo che dalla residenza tedesca trae il titolo della mostra. È infatti lo slogan di un discount tedesco quel “Besser einkaufen, besser leben”, ovvero “Migliore è l’acquisto, migliore è la vita”.

Lorenzo Scotto di Luzio - Besser Einkaufen Besser Leben - veduta della mostra presso la Galleria Fonti, Napoli 2014

Se è l’identità di una società materialistica e consumista che dev’essere indagata, Lorenzo Scotto Di Luzio (Pozzuoli, 1972) pone la lente d’ingrandimento su un oggetto con cui quotidianamente veniamo a contatto e a cui, tra l’altro, abbiamo anche difficoltà a dare un nome. In tedesco è il warentrenner, la barra che, sul nastro trasportatore dove poggiamo la spesa, divide i nostri acquisti dal cliente precedente e successivo. Nel contesto espositivo le barre diventano barriere, laddove la distinzione pratica diventa una diversificazione necessaria. La diversificazione dei prodotti acquistati viene affiancata e fronteggiata da continui riconoscimenti di grandi nomi della storia dell’arte che estendono la riflessione iniziale e che mostrano, ad esempio, lo stesso broccolo attraverso la ripresa della pittura di Gauguin e di Cézanne. Il warentranner si pone come metafora che, ingigantita e caricata, propone uno sguardo sarcastico e inquisitorio al tempo stesso, che riguarda ciò che acquistiamo – e non si parla esclusivamente di ortaggi – e come questo gesto ci qualifichi.

Arianna Apicella

Napoli // fino al 2 maggio 2014
Lorenzo Scotto di Luzio – Besser einkaufen, besser leben
GALLERIA FONTI
Via Chiaia 229
081 411409
[email protected]
www.galleriafonti.it

CONDIVIDI
Arianna Apicella
Arianna Apicella (Salerno, 1993) ha studiato presso il liceo classico Torquato Tasso. Attualmente è iscritta all’Università degli Studi di Napoli l’Orientale dove studia cinese e inglese. Appassionata alla letteratura e alle arti visive, ha sperimentato il disegno fumettistico, l’approccio al palcoscenico e alla scrittura.