Aldo Runfola: quando l’evento diventa dubbio

Galleria Michela Rizzo, Venezia – fino al 23 aprile 2014. Tra ricami color pece ed elaborazioni fotografiche in grande formato, gli “Eventi” di Aldo Runfola non si allontanano troppo da un eccellente esercizio di stile. Aprendo baratri di perplessità.

Aldo Runfola - Eventi - veduta della mostra presso la Galleria Michela Rizzo, Venezia 2014

Il poliedrico Aldo Runfola (Palermo, 1950) stavolta non convince. L’enigmaticità che accompagna il suo fare artistico appesantisce, anziché stimolare, la fruizione degli Eventi. I ricami neri, le elaborazioni grafiche, il video proiettato a schermo dialogano a distanza, ma non riescono a liberarsi dal giogo del mero esercizio stilistico. Ineccepibili dal punto di vista formale, le opere di Runfola sembrano non reggere il poderoso apparato concettuale che l’artista mette in campo proprio nel testo a supporto della mostra. Tempo, divenire, possibilità e impossibilità, resistenza e reazione si animano nel discorso di Runfola ma, una volta nominati, sono resi neutrali dalla sua tagliente, e forse troppo comoda, affermazione di scarso interesse per le dichiarazioni d’intenti. Gli Eventi di Runfola lasciano con un misto di perplessità e dubbio, ma soprattutto con un grosso interrogativo: davvero, in questo caso, “l’artista sa senza sapere?”.

Arianna Testino

Venezia // fino al 23 aprile 2014
Aldo Runfola – Eventi
MICHELA RIZZO
San Marco 2597
041 2413006
[email protected]
www.galleriamichelarizzo.net

CONDIVIDI
Arianna Testino
Arianna Testino è nata nel 1983. Ha studiato storia dell’arte medievale-moderna a Bologna e si è specializzata nelle arti contemporanee a Venezia. Appassionata di scrittura e curatela, è interessata all'approfondimento e all'ideazione di attività artistiche a carattere pubblico e sociale.
  • parterreberlin .

    Più che recensione, reazione, riflesso, fin dall’incipit: “Il poliedrico Aldo Runfola stavolta non convince”, dove l’attributo prima del nome è, nel contesto, sminuente e il tono generale quello di una familiarità indebita.
    L’articolo contiene impressioni legittime, affermazioni opinabili, nessun argomento.