Le eredità veneziane di Francesco Jodice

Parola d’ordine: storytelling. Per immagini, però. A concludere il percorso previsto da F4, percorso di fotografia che si articola tra Treviso e Farra di Soligo, presso la Casa dei Carraresi è la mostra personale di Francesco Jodice. Fino all’11 agosto.

Francesco Jodice, The precursors' legacy #004, 2013

L’esposizione di Francesco Jodice (Napoli, 1967; vive a Milano) presenta un corpus di lavori inediti legati all’ultimo progetto, quello su Venezia, a cui l’autore dedicherà il quarto film del ciclo Citytellers.
Punto di partenza una domanda: perché oltre mille anni fa è stata edificata una città proprio in un luogo così ostile? Spiega Jodice: “Non sono interessato all’effetto Venezia, ma alle cause e ai prodromi che l’hanno resa possibile”. Il confronto con l’eredità lasciata da questi mitici precursori, dunque, è tanto gravoso quanto meraviglioso e si articola ponendo il visitatore di fronte a immagini che producono disequilibrio, spingendolo a chiedersi: “Ma che cosa sto guardando?”.
A concludere la rassegna i tre film precedenti del progetto CitytellersSao Paulo_Citytellers (2006), Aral_CitytellersDubai_Citytellers (2010). I tre lavori costituiscono un vero e proprio ciclo di indagine sulle città del presente sotto una lente geopolitica. Nel caso di Venezia, intrisa della storia di chi ci ha preceduto, sarà un altro quesito a lanciare la sfida: “Di cosa siamo ancora capaci?”.

Chiara Ciolfi

Treviso // fino all’11 agosto 2013
Francesco Jodice – Venezia. L’eredità dei precursori
a cura di Carlo Sala
CASA DEI CARRARESI
Via Palestro 33
0422 513150
[email protected]
www.fondazionefrancescofabbri.it

CONDIVIDI
Chiara Ciolfi
Chiara Ciolfi (Roma, 1987) è laureanda in Storia dell’Arte presso l’Università di Roma La Sapienza. Si interessa di arte contemporanea in tutte le sue forme, con un accento particolare sull’editoria e le riviste di settore. Ha collaborato con Exibart dal 2008 al 2011 fino all’avvento dell’ “era Artribune”. Attualmente sta costruendo il suo percorso tra stage e collaborazioni con fondazioni orientate alla ricerca (Nomas Foundation) e gallerie collaudate (Gagosian Gallery), con il sogno di farne un lavoro vero.