Fashion victim da galleria o artisti da passerella?

Che moda e arte si guardino di soppiatto, corteggiandosi, non è un mistero. Nella settimana delle sfilate milanesi inaugura una raccolta di giovani sguardi borderline: indecisi se stare da una parte o dall’altra. Magari da entrambe. Da Camera 16, a Milano, fino al 27 ottobre.

Andrea Artemisio - Pagina 100 - 2009 - Camera 16, Milano 2012

Dalle maschere di Giovanni Gastel fino ai corteggiamenti tra Lady Gaga e Francesco Vezzoli: forti di un rapporto che nasce da lontano, arte e glamour si abbracciano con sempre maggiore lascivia e intensità. Una carrellata di giovani, tra promesse e conferme, racconta con Fashionality questa terra di nessuno della bellezza, in bilico tra museo e passerella. Rarefatte, diafane, inquiete: formalmente impeccabili le situazioni incorniciate da Andrea Artemisio, già apprezzato contributor di Pizza; a farla da padroni sono però i surrealismi di Brea Souders, l’enigma di ritratti di spalle, espulsi da qualsiasi contesto, evasi da tempo e spazio. Alla voce nostalgia troviamo le patine seventies di Les Belle Croix, collettivo formatosi ad hoc per Fashionality; ma anche i collage di Luca De Santis, vagamente vicini alle estetiche Anni Ottanta-Novanta interpretate da Elad Lassry.

Francesco Sala

Milano || fino al 27 ottobre 2012
Fashionality
a cura di Carlo Madesani e Francesca Spiller
CAMERA 16
Via Pisacane 16
02 36601423
[email protected]
www.camera16.it

 

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.