Il catartico giardino di Alessandro Roma

La Brand New Gallery di Milano è a disposizione completa dei nuovi lavori di Alessandro Roma. Nei quali il giardino, con i suoi segreti, avvolge nei ricercati pattern e in sovrapposizioni colte. Fra mimesi con la natura e dialogo con la storia, fino al 24 maggio.

Alessandro Roma - Salvia - 2012 - courtesy l'artista & Brand New Gallery, Milano

La Brand New Gallery per la prima volta ospita una personale, il sole mi costrinse ad abbandonare il giardino di Alessandro Roma (Milano, 1977). Grandi tele scenografiche e sculture e collage come “hortus conclusus”, allegoria della Vergine, degli amori cortesi, dell’orticello botanico medievale, con sculture organiche che germinano foglie della velenosa Mandragola di Machiavelli, dialogando con un passato manierista che emerge anche nelle apparizioni di busti e faccione delle sculture del bosco di Bomarzo. Roma è un antico in querelle con i moderni, o viceversa? Sicuramente è colto e lavora in dialogo con Rousseau, Monet, Klee. Una pittura di sovrapposizioni e apparizioni e sparizioni, con una sofisticata ricerca dei materiali. Siamo in attesa tra le fronde di questo manto mimetico contemporaneo, dove la natura dà sollievo, ma anche terrore. Come in Picnic a Hanging Rock.

Neve Mazzoleni

Milano // fino al 24 maggio 2012
Alessandro Roma – il sole mi costrinse ad abbandonare il giardino
BRAND NEW GALLERY
Via Farini 32
02 89053083
[email protected]
www.brandnew-gallery.com

CONDIVIDI
Neve Mazzoleni
Neve Mazzoleni si è laureata in Lettere Moderne vecchio ordinamento con indirizzo in Storia e Critica delle Arti a Milano con Giovanni Agosti. Nel 2006 ottiene il diploma di master in Management of Art and Culture presso Trentino School of Management ed entra nel team progettuale di UniCredit& Art, diretto da Catterina Seia. Attualmente è project manager culturale in Group Giving, Events & Art Management di UniCredit, dove si occupa del coordinamento generale delle mostre internazionali e della gestione e valorizzazione della Collezione Corporate. Negli anni ha maturato una solida esperienza sulle tematiche delle sponsorizzazioni culturali, del rapporto Pubblico/Privato a favore della Cultura, di innovazione culturale e centri di produzione creativa. Tiene lecture per master di economia della cultura. Scrive per Doppiozero e Artribune, per la quale cura la rubrica da lei ideata Brain Drain - cervelli in fuga del mondo della cultura. Dal 2011 scrive regolarmente per il Giornale delle Fondazioni e per Arte&Imprese. È membro del Comitato di redazione di Tafter Journal. Ha scritto per Fizz, Arskey, Tafter. È iscritta al master in Social Innovation, Social Business&Project Innovation (MES) di ASVI Social change.
  • oblomov

    Adesso è di moda dare nome alle mostre con lunghe frasi, il più delle volte senza senso…che moda..”il buio mi costrinse ad abbandonare il balcone” oppure “so che mi guardi ma io non ci sono” “quando c’ero e tu non hai visto che avevo fatto la peperonata” ..sono titoli di fantasia ovviamente ma vedo che ormai sono tutti così e chi intitola la mostra “forme” “spazi colori senso” sembra sfigato…lo stesso con le opere! Che noia..e poi è sempre tutto uguale..ciao