1989-2012 a/r

Il ricordo di un amico e la celebrazione di una delle sue più significative esposizioni. Questo il senso di “German love Sinfonietta”, mostra-omaggio a Vettor Pisani. Alla Galleria Pio Monti di Roma, fino al 7 aprile.

Vettor Pisani - German Love Sinfonietta - veduta della mostra presso la Galleria Pio Monti, Roma 2012

Complici, amici e attivi protagonisti di un momento d’oro per l’arte italiana, Pio Monti e Vettor Pisani (Napoli, 1934 – Roma, 2011) sono di nuovo concettualmente uniti in un’operazione artistica. La mostra è un ricordo che si pone come commemorazione, ma con il giusto gusto ironico e sagace tipico del lavoro dell’artista.

Vettor Pisani - German Love Sinfonietta - veduta della mostra presso la Galleria Pio Monti, Roma 2012

Vettor Pisani, una vita vissuta a contatto con l’arte e la creatività in tutte le sue declinazioni: commediografo, architetto, pittore. Sempre impegnato in operazioni di inversione di segno in cui colte citazioni strizzano l’occhio alla mondanità, alla quotidianità e a raffinate operazioni concettuali, ritrova le sue opere in uno dei luoghi simbolo della sua carriera. Inaugurata per la prima volta nel 1989, German love Sinfonietta conquista l’osservatore con l’iconica e ammiccante coniglietta pin-up ripetutamente impressa sulla carta da parati in galleria. In mostra anche alcune fotografie, collage e l’ormai notissima citazione di Arnold Böcklin.

Chiara Natali

Roma // fino al 7 aprile 2012
Vettor Pisani – German Love Sinfonietta
PIO MONTI ARTE CONTEMPORANEA
Piazza Mattei 18
349 0705778
[email protected]
www.piomonti.com

CONDIVIDI
Chiara Natali
Chiara Natali (Milano 1982), vive e lavora tra Teramo e Roma. Dopo essersi laureata in Scienze della comunicazione e in Storia dell’arte contemporanea a Bologna, si è dedicata all’approfondimento degli aspetti manageriali e progettuali in ambito culturale. Membro della direzione artistica di BMidea (Teramo), realtà che si occupa dell’organizzazione di manifestazioni artistiche e musicali, è co-responsabile organizzativa del progetto di street art e writing urbano Teramo Urban Museum e collabora da quasi un anno con il dipartimento di arte contemporanea della GNAM (Roma).