Che accoglienza, al Macro. Pietro Fortuna nella hall

Ancora pochi giorni, fino al 30 ottobre, per vedere l’installazione di Pietro Fortuna al Macro di Roma, nel grande cortile interno. Tra gufi e diapason, un peculiare catalogo iconografico.

Pietro Fotuna - Glory II. Le lacrime dell’angelo - veduta della mostra presso il Macro, Roma 2011

Oggetti vuoti, dimessi, forme riconoscibili eppure aperte all’enigma. Pietro Fortuna (Padova, 1950) insegue quella “gloria dell’inessenziale nella misura scandalosa del poco”. La soglia minima, la distanza breve, la taglia lieve. Ad avanzare sono presenze mute, glorificate nel solco della propria essenza. L’installazione nella hall del Macro – seconda tappa del progetto Glory – è un corpo unico in cui si saldano tre opere riconducibili a periodi differenti. Qui si srotolano le pagine di un personale catalogo iconografico: cose cariche di un valore evocativo, che non approdano al simbolico né al narrativo, ma che funzionano come micro-canali aperti sulla trascendenza.

Così è per i candidi gufi, occhi puntati sul bordo tra realtà e finzione; o per le armi, immagine di una violenza dichiarata e sempre dissonante. O ancora per quel diapason su cui poggia un bicchiere contenente una pigna: incastri tra frammenti vegetali e sonori si nascondono nelle intercapedini di una grande gabbia modulare, architettura in cui si condensano ritagli di memoria collettiva e intima.

Helga Marsala

Roma // fino al 30 ottobre 2011
Pietro Fotuna – Glory II. Le lacrime dell’angelo
MACRO
Via Nizza 138
06 0608

[email protected]
www.macro.roma.museum


CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.