Design. Shanghai e il quartiere Xintiandi

Il quartiere della metropoli cinese si sta facendo conoscere in tutto il mondo grazie all’importante ruolo giocato durante la design week di Shanghai. Fra tradizione e nuovi input.

Design Shanghai @ Xintiandi Design Festival Pascal Bosetti, Moon Birdy
Design Shanghai @ Xintiandi Design Festival Pascal Bosetti, Moon Birdy

Se ovunque nel mondo ogni grande capitale può dirsi alla ricerca di una nuova o rinnovata edizione di una design week, è anche vero che poche città possono vantare un potenziamento tematico e territoriale al riguardo, presentando un design festival d’accompagnamento. A Shanghai, la fortunata e costantemente in espansione settimana del design sta raggiungendo numeri significativi per l’intera area asiatica. Lo scorso marzo, la fiera ha ospitato oltre 350 espositori da 70 diversi Paesi, arrivando a dare il benvenuto a più di 46mila visitatori in quattro giorni.
Shanghai Design è riuscita a supportare – e dunque a rafforzare ‒ se stessa anche grazie a una selezionata rosa di eventi e progetti collaterali che ha preso avvio oltre lo Shanghai Exhibition Centre, sebbene coordinati dall’organizzazione fieristica stessa. La design week, infatti, ha contagiato la città a partire da Xintiandi, un quartiere pedonale dov’è possibile fare shopping, trovare molti ristoranti e punti d’incontro.

Xintiandi, quartiere di Shanghai
Xintiandi, quartiere di Shanghai

TRA PASSATO E PRESENTE

Una zona frequentata principalmente dai turisti, poiché è forse fra le ultime aree della città dove è possibile osservare la tradizionale architettura cinese.
Formato da vecchie abitazioni in pietra dette shikumen, completamente restaurate e adibite alle più svariate attività, il quartiere è diventato una piattaforma d’amplificazione del design curata da Song Tao, Hou Zhengguang e Cher Du e intitolata Design Shanghai @ Xintiandi Design Festival.
Nell’arco di due settimane, il festival ha allestito permanentemente per la promenade e fra gli eleganti negozi una selezione di installazioni interattive progettate da artisti e designer internazionali. Numerose navette, inoltre, hanno traghettato i visitatori dal centro fieristico al quartiere, per farli assistere a dibattiti, proiezioni ed eventi, proposti in piccole piazze e viali curatissimi, che hanno tracciato numerosi tour di design, e connesso anche musei, istituzioni e spazi dedicati al design del lusso.

Ginevra Bria

www.designshanghai.com

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #39

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. È specializzata in arte contemporanea latinoamericana.