A casa del collezionista. Continua il roadshow di ArtVerona per il format Collezionismo al Centro

La 14 edizione di ArtVerona si terrà dal 12 al 15 ottobre, ma numerose sono le altre iniziative che mirano a creare legami tra collezionisti, galleristi e con tutto il territorio italiano. Vi raccontiamo il roadshow per il progetto Collezionismo al Centro

Collezione Fabio Agovino © Danilo Donzelli Photography

In attesa della nuova edizione di ArtVerona che si svolgerà dal 12 al 15 di ottobre, la fiera cerca di creare legami sempre più stretti con il territorio, inteso in senso lato, con le imprese e con le gallerie. Presentata a Milano in primavera la fiera ha rivelato il tema per il 2018, Utopia. Da intendersi“come orizzonte teorico e spinta concreta di un progetto rivolto al sistema dell’arte italiano”, spiegano gli organizzatori. Anche il numero delle gallerie è aumentato, raggiungendo quota 145. C’è anche la sezione inedita, Focus on, con cinque spazi stranieri tra i più attivi della giovane scena artistica lituana.
Ma gli appuntamenti non si esauriscono nei giorni effettivi di fiera: per tutto l’anno sarà infatti organizzato un programma di accompagnamento, il roadshow per il progetto Collezionismo al Centro, che mira ad aprire le case dei collezionisti creando occasioni di incontro in tutta Italia. Il progetto è stato reso possibile grazie al curatore Antonio Grulli che guida il Consorzio Collezionisti delle Pianure nato un anno e mezzo fa circa.

LE TAPPE

Creare occasioni d’incontro tra collezionisti, galleristi e professionisti del settore è l’intento del roadshow che, dopo il successo della prima tappa a Bologna il 21 aprile, ha replicato a Napoli il 7 luglio, in una giornata a cura di Marianna Agliottone, annunciando un altro appuntamento a settembre nel Valpolicella.  
Un clima informale, conviviale, è quello che si è respirato in terra partenopea a casa di Francesco Taurisano e Fabio Agovinoche con passione hanno raccontato la loro storia davanti a volti noti del mondo dell’arte quali Ernesto Esposito, la gallerista-collezionista Claudia Cargnel, Vittorio Nunzia Gaddi, Stefano Rastrelli, Luigi Bonfanti, Giorgio Fasol, Andrea Pizzi Giovanni Pellecchia.
Ma la giornata è continuata con un tour delle gallerie – A01 Gallery, Galleria Acappella, Annarumma Gallery, Casamadre, Thomas Dane, Umberto di Marino e con una visita del Museo Madre di Napoli accompagnati dal direttore Andrea Viliani.
“Il progetto che è alla sua seconda tappa”, racconta Antonio Grulliad Artribune, “mira ad avvicinare i collezionisti e a creare situazioni di scambio. Molti di loro sono molto giovani, anche sotto i quarant’anni. Inoltre con Critical Collecting, sempre nell’ambito di ArtVerona, cerchiamo di mettere in contatto giovani critici con collezionisti che raccontano, in pubblicazioni disponibili sul sito della fiera, la scelta delle opere acquistate nel corso degli anni”.

Francesco Simeti Collezione Annamaria e Antonio Maccaferri a Bologna

I COLLEZIONISTI SI RACCONTANO…

Il progetto offre l’occasione di scoprire la storia delle collezioni. Francesco Taurisano, protagonista della seconda tappa del roadshow a Napoli,racconta ad esempio: “mio padre ha iniziato a collezionare lavori di artisti del territorio quando ero ancora molto piccolo, nel corso del tempo ho iniziato ad appassionarmi e ad avvicinarmi a questo mondo. Un anno fa, assieme al curatore Théo-Mario Coppola, abbiamo pensato di istituzionalizzare la mia collezione, cercando anche di portare avanti un discorso preciso con artisti legati all’arte politica. Proprio partendo da questo intento abbiamo iniziato ad attivare diverse partnership ad esempio con la prossima Istanbul Biennial. Inoltre nel 2019 ci saràUtopia Bay, un grande appuntamento qui a Napoli per il quale inviteremo alcuni tra i più importanti curatori al mondo, per portarli nella nostra cittàe far conoscere gli artisti della collezione”Fabio Agovino, invece, spiega: “la mia collezione è nata vent’anni fa e con Banca Widiba, per la quale lavoro, ho fondato una sezione dedicata all’arte contemporanea con il prezioso aiuto di Marianna Agliottone. Avremo il piacere di presentare il premio WiDiCollect, proprio durante la prossima edizione di ArtVerona per l’acquisizione di un’opera. Abbiamo scelto la fiera veronese perché è vicina al collezionista, lo pone al centro della propria attenzione, così come la nostra Banca fa con il cliente, e questo per noi è molto importante, è un fattore che ci accomuna e ci avvicina”. Il premio rappresenterà inoltreun ulteriore legame tra Agovino e Taurisano.Théo Mario Coppola sarà infatti uno dei componenti della giuria del Premio WiDiCollect per l’edizione 2018. “Ciò che rende interessanti queste due personalità collezionistiche, Francesco Taurisano e Fabio Agovino, è che la loro idea di collezione è dinamica e si estende al di là delle loro raccolte“, racconta Marianna Agliottone. “Fabio Agovino fa vivere la sua collezione attraverso la realizzazione di mostre, la pubblicazione di cataloghi e l’organizzazione di eventi ma, altresì, è riuscito a creare connessioni tra la sua carriera professionale e la sua passione per l’arte contemporanea, avviando una sezione di promozione di arte contemporanea all’interno dell’azienda per cui lavora, Banca Widiba, trasformandola in un luogo di dibattito e dialogo sul collezionismo con l’ intenzione di far appassionare i clienti di Widiba all’arte. Portando questo suo format anche in una fiera, ideando proprio per ArtVerona il Premio WidiCollect. Altresì, per Francesco Taurisano, collezionare significa non solo allestire uno spazio domestico, essere semplicemente una collezione privata, ma intendersi come una comunità artistica, una piattaforma che supera il concetto di location della collezione, a sostegno di progetti capaci di far viaggiare nel mondo i valori  trattati nelle opere degli artisti che come collezionista sceglie di sostenere, in contesti come mostre, biennali e progetti curatoriali internazionali.

– Valentina Poli

https://www.artverona.it

Dati correlati
CuratoreGiorgio Fasol
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Poli
Nata a Venezia, laureata in Conservazione e Gestione dei Beni e delle Attività Culturali presso l'Università Ca' Foscari di Venezia, ha frequentato il Master of Art presso la LUISS a Roma. Da sempre amante dell'arte ha maturato più esperienze nel settore della didattica progettando e gestendo laboratori, in quello della preparazione di piccoli e grandi eventi culturali, nel settore delle gallerie d'arte e in campo giornalistico con collaborazioni con riviste del settore. Oggi vive a Roma.