Ecco come l’Isis ha distrutto in Iraq un monastero cristiano di 14 secoli fa. Immagini e video che documentano le macerie di Sant’Elia, a Mosul

Print pagePDF pageEmail page

Immagini satellitari che mostrano la distruzione del monastero (da video Dailymail - AP)

Immagini satellitari che mostrano la distruzione del monastero (da video Dailymail – AP)

L’ennesima aggressione del gruppo jihadista dell’Isis al patrimonio dell’Iraq sarebbe in realtà avvenuta tra agosto e settembre 2014, ma le prove che la documentano emergono solo ora, grazie all’impagabile impegno nell’area dell’Associated Press. Immagini e video che mostrano come le pareti di pietra dell’edificio “sono state letteralmente polverizzate“, secondo la parole dell’analista Stephen Wood riportate dall’Independent: “Bulldozer, attrezzature pesanti, forse esplosivi hanno trasformato ​​quei muri di pietra in un campo di polvere grigio-bianca. Hanno distrutto completamente tutto“.

Quale edificio? Il monastero cristiano di Sant’Elia, che sorgeva su una collina sopra la roccaforte di Mosul: il più antico del suo genere nel paese, eretto circa 1400 anni fa, prima dell’avvento dell’Islam, e fino al 2014 sopravvissuto solo con danni superficiali a diversi conflitti. Utilizzato recentemente come luogo di culto per le truppe Usa in Iraq, il sito cadde nelle mani dell’Isis nel giugno 2014. Conservava ancora una cappella e un santuario, con tracce di mosaici ora perduti per sempre.

Il monastero di Sant'Elia prima della distruzione (still da video wochit News)

Il monastero di Sant’Elia prima della distruzione (still da video wochit News)

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community