Roma ricostruisce sette colonne del Foro della Pace ai Fori Imperiali. Giusto? Sbagliato? L’inaugurazione entro Natale, qui intanto ecco immagini e video

Print pagePDF pageEmail page

Il Tempio della Pace di Roma dopo l'anastilosi delle colonne

Il Tempio della Pace di Roma dopo l’anastilosi delle colonne

Di corsa, per finire entro la prossima settimana. Sotto l’albero di Natale, aniconico e quindi risparmiato dalle noiosissime polemiche pro o contro Presepe, i romani potrebbero però trovare un dono pronto a riaprirle, quelle polemiche, su tutt’altro fronte: quello della conservazione dei beni archeologici. Già, perché ad essere di corsa sono gli esperti e le manovalanze al lavoro su via dei Fori Imperiali, e la cosa da finire è la sistemazione delle sette colonne del Foro della Pace rimesse in piedi con la tecnica dell’anastilosi.
Una questione che ha tenuto a lungo banco fra esperti e critici, impegnati davanti all’eterna questione: ricostruire, quando possibile, “antichi edifici, specialmente dell’antichità classica, mediante la ricomposizione, con i pezzi originali, delle antiche strutture”, come recita il vocabolario Treccani alla voce “anastilosi”? Oppure evitare quasiasi intervento contemporaneo, come vogliono i puristi? “Se la storia ha buttato giù un tempio, un castello o una basilica con un terremoto, un bombardamento o una demolizione decisa da un esercito vincitore è giusto ricostruire tutto com’era o piuttosto è più corretto e rispettoso lasciare tutto come sta, a terra?”, si domandava nell’agosto scorso Gian Antonio Stella, quando sul Corriere della Sera si occupò proprio della vicenda del Foro della Pace.

L’interrogativo, c’è da scommetterci, terrà banco per tutte le festività, e anche oltre: intanto le sette colonne sono state svelate, non più coperte dal cantiere: e noi siamo andati subito a dare un’occhiata: eccovi in anteprima immagini e video, voi come la vedete?

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community
  • Angelov

    Roma, eterna e incorreggibile,
    con l’indole di Centro di un Impero,
    che ogni qualvolta ha rialzato il capo
    tentando di avverare il proprio sogno,
    ha trascinato con se un popolo intero
    sempre più nella vergogna e nell’infamia.
    Da: “Don Giovanni” di Lord Byron

  • Stefano

    Effettivamente di notte con questo problema non si chiudeva occhio, ora siam tutti più sereni!