Costruire una fotografia. James Casebere a Milano

Lisson Gallery, Milano – fino al 15 gennaio 2016. Prima personale milanese per James Casebere, fotografo pioniere nella creazione di immagini costruite. Che qui raccoglie una quindicina di opere realizzate nell’ultimo periodo. Ne emerge un ambiente suggestivo e contemplativo nel quale si apprezza la potenzialità del medium fotografico.

Print pagePDF pageEmail page

James Casebere, Sea of Ice, 2014 - courtesy Lisson Gallery - photo Daniele Venturelli

James Casebere, Sea of Ice, 2014 – courtesy Lisson Gallery – photo Daniele Venturelli

Ci vuole la luce diurna per visitare questa esposizione. Ci vogliono lunghi momenti immersivi da dedicare alla tranquillità dello spazio. La natura interferisce con la costruzione fotografica attraverso le grandi finestre, si crea una corrispondenza tra l’esterno e l’interno. Otto scatti di elementi floreali sembrano galleggiare in un candido bianco. Si respira una brezza tedesca, un richiamo poetico, l’omaggio a Caspar David Friedrich, al quale James Casebere (Lansing, Michigan, 1953) dedica Sea of Ice (2014). Rifacendosi a un’opera del maestro, l’artista americano ricostruisce in studio un paesaggio desolato e invernale. Al piano inferiore, cascine di salvataggio abbandonate definiscono il passaggio dell’umano e raccontano quello inesorabile del tempo. È una mostra che andrebbe vista e rivista: in momenti diversi della giornata, con emozioni d’animo differenti. È rilevante notare come lo scatto dell’artista abbia immortalato istanti intrisi di poesia, rifacendosi alla natura, ma non essendo naturali.

Giorgia Quadri

Milano // fino al 15 gennaio 2016
James Casebere
LISSON GALLERY
Via Zenale 3
02 89050608
[email protected]
www.lissongallery.com

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/49898/james-casebere/

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community