Miami Updates: le foto di Design Miami, una fiera che è diventata troppo prevedibile

Print pagePDF pageEmail page

Design Miami 2015 18

Il senso è quello di un deja vu. La qualità delle proposte è elevatissima, intendiamoci, l’allestimento è impeccabile e c’è anche qualche novità sia di quest’anno (il Market, per dialogare col mondo del retail) sia dello scorso (la sezione Design Curio, con piccoli progetti di mini wunderkammern, quest’anno ce n’è una che la gastronomia newyorkese Dean&DeLuca ha dedicato al formaggio, con odore incluso), ma non basta. Gli stand realmente interessanti a Design Miami si contano sulle dita di una mano (tra questi il debutto della galleria romana SecondoMe, con un progetto di pezzi unici dedicati al mondo del body building firmati da Alberto Biagetti e Laura Baldassari in un allestimento curato da Maria Cristina Didero che replica un’operazione simile già realizzata al Salone del Mobile) e tutto appare poco evoluto rispetto allo scorso anno. Design Miami è diventata una fiera troppo composta e prevedibile e necessita probabilmente di una svolta creativa e di una ventata di novità. Noi intanto ve la facciamo vedere nella consueta fotogallery…

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community