Due artisti si inventano a Siena il Museo Temporaneo La casa del Pittore. Parte il programma di eventi Atelier & Colleghi, tra le vie storiche della Contrada della Lupa

Print pagePDF pageEmail page

Contrada della lupa, araldica

Contrada della lupa, araldica

Un progetto tutto contemporaneo, con un’anima storica. Il Museo Temporaneo La casa del Pittore parte dalla tradizionale suddivisione in Contrade della città di Siena, individuando nel Rione della Contrada della Lupa un luogo d’eccellenza in cui il legame fra popolo e territorio si definisce e si tramanda, in forme nuove e sulla base di vecchie strutture urbanistiche e sociali. Curato dagli artisti Eugenia Vanni e Francesco Carone, il progetto si articola in due momenti, riuniti sotto la sigla Atelier & Colleghi, all’interno dello spazio subito sopra l’antica costruzione di Fontenuova. Qui Vanni ha allestito uno studio temporaneo, per i mesi invernali e primaverili, visitabile e aperto a momenti di riflessione intorno al contemporaneo; quindi, una serie di eventi dedicati alle collezioni d’artista trasformeranno la Casa del Pittore in uno spazio espositivo.
In mostra le opere di artisti italiani ed internazionali, invitati a scegliere alcuni pezzi delle loro raccolte personali – spesso nate grazie a scambi con colleghi – e a pensare essi stessi un allestimento. E sarà ancora l’artista/collezionista a lavorare sul fronte della scrittura: ognuno scriverà un breve testo, raccontando la storia dell’opera scelta e la natura delle relazioni innescatesi affinché essa trovasse il suo destino e la sua destinazione. Alla fine di ogni anno un quaderno raccoglierà tutti gli scritti e le immagini degli eventi.

 

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community