La lenta scomparsa dell’uomo. In mostra a Lecce

Riva Arte Contemporanea, Lecce – fino al 14 dicembre 2015. La reificazione degli stati psichici e la sintesi formale come trasformazione del linguaggio pittorico nella società liquida. È la Claustrophilia di Dario Maglionico.

Print pagePDF pageEmail page

Dario Maglionico, Reificazione - Riva Arte Contemporanea, Lecce

Dario Maglionico, Reificazione – Riva Arte Contemporanea, Lecce

La simultaneità dell’azione nel linguaggio pittorico come destrutturazione rappresentativa, la Versachlichung di stati psichici e impronte mnemoniche, l’inesorabile frammentazione dell’io legata al contesto storico della contemporanea società liquida. È il multiverso creativo di Dario Maglionico (Napoli, 1986; vive a Milano), che espone la sua ultima serie di Reificazioni nella personale Claustrophilia. Come sottolinea il curatore Ivan Quaroni, “la sintesi linguistica e la disanima psicologica” risultano strettamente compenetrate nell’opera del pittore campano. Sotto l’aspetto formale, infatti, con la narrazione policentrica e l’annullamento della dimensione spazio-temporale, dovuto all’influenza delle ricerche sulla fisica quantistica, Maglionico contribuisce a trasformare definitivamente il canone della linearità rappresentativa nella pittura.

Cecilia Pavone

Lecce // fino al 14 dicembre 2015
Dario Maglionico – Claustrophilia
a cura di Ivan Quaroni
RIVAARTECONTEMPORANEA
Via Umberto I 32
0832 245933 | 333 7854068
[email protected]
www.rivaartecontemporanea.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/48655/dario-maglionico-claustriphilia/

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community