Il Cristo di Piero della Francesca risorge una seconda volta. Primi esiti del restauro dell’affresco di San Sepolcro: la Resurrezione ripulita da residui di interventi precedenti

Print pagePDF pageEmail page

Paola Ilaria Mariotti al lavoro sulla Resurrezione di Piero della Francesca

Paola Ilaria Mariotti al lavoro sulla Resurrezione di Piero della Francesca

Dal Museo Civico di San Sepolcro arrivano i primi risultati delle operazioni di conservazione e restauro della Resurrezione di Piero della Francesca, a pochi mesi dall’inizio dei lavori condotti da Paola Ilaria Mariotti dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze e da Umberto Senserini della Soprintendenza di Arezzo, su iniziativa dell’amministrazione comunale di Sansepolcro e del museo cittadino.
Dopo una campagna diagnostica condotta tra il 2008 e il 2010 e una serie di indagini preliminari, sono stati eseguiti i primi interventi di pulitura per riportare alle origini il monumentale affresco a cui Piero della Francesca lavorò tra il 1450 e il 1463; per ridare luce alla sua pittura umanista, intellettuale e rigorosa; per riportare l’attenzione sulla geometria dell’impianto prospettico, saldo e bilanciato; sugli accordi coloristici, esatti e raffinati; sulla plasticità maestosa e ieratica della figura centrale del Cristo; ma anche su alcuni particolari che si erano perduti col tempo, come i piccoli borghi, le torri e i castelli che sorgono nelle colline sullo sfondo, sinora osservabili solo in fotografia all’infrarosso.

Particolare dell'affresco

Particolare dell’affresco

I PRIMI STEP DEL RESTAURO
In questa prima fase, sono stati studiati e asportati gli accumuli superficiali, utilizzando metodi di pulitura mirati e solventi testati in base alla loro specifica idoneità chimico-fisica su micro-aree di prova e poi estesi all’intera campitura cromatica, per evitare di danneggiare l’originale intonaco dipinto. Ci si è preoccupati di intervenire sui fissativi impiegati in restauri precedenti, che, a lungo andare, hanno subito trasformazioni chimiche, causando alterazioni cromatiche o, in alcuni casi, il sollevamento e addirittura il distacco dello strato pittorico. Alle operazioni di restauro sono state affiancate ricerche di archivio, per ricostruire la storia conservativa dell’opera e studiare le tipologie di intervento migliori.
Come spesso capita, la campagna è diventata anche un’occasione per approfondire la conoscenza del dipinto: è emerso così che l’affresco è stato realizzato tramite 18 “giornate”, cioè 18 stesure di intonaco, che potrebbero essere state eseguite in vari giorni e riprese anche successivamente per apportare finiture; e che la cornice perimetrale dell’opera, integrata perché fortemente lacunosa, è stata completata in almeno quattro riprese. I restauri continueranno, ma l’affresco, collocato sulla parete di fondo di una sala di quello che era il palazzo del governo cittadino – oggi sede del Museo Civico di Sansepolcro – sarà comunque accessibile a chi vorrà, grazie ad un ponteggio appositamente progettato per seguire i lavori in progress.

Marta Pettinau

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community