L’arte moderna e impressionista non delude New York: Sotheby’s incassa 575 milioni di dollari in appena 24 ore. Picasso Blu da record, vicino ai 70 milioni di dollari

Print pagePDF pageEmail page

Pablo Picasso, La Gommeuse, olio su tela, 1901

Pablo Picasso, La Gommeuse, olio su tela, 1901

La auction week newyorkese è iniziata con Sotheby’s in forma smagliante: sono bastate poco più di 24 ore perché la storica casa d’aste incassasse oltre 575 milioni di dollari. I primi 420 milioni sono arrivati dalla vendita dei capolavori dalla collezione di A. Alfred Taubman, magnate americano del real estate, nonché ex proprietario e presidente del consiglio di Sotheby’s sino al 2000, scomparso qualche mese fa all’età di 91 anni. L’asta si è chiusa con 69 lotti venduti su 77, tra Degas, van Gogh, Picasso, Rothko e altri grandi classici del Novecento a testimoniare il gusto da esteta onnivoro, ma raffinato, del collezionista.
Altri 306 milioni di dollari sono quanto la evening sale di arte moderna e impressionista ha portato a casa: top lot della sera, La Gommeuse che, aggiudicata per 67,5 milioni di dollari, ha segnato il nuovo record di vendita per un’opera del Periodo Blu di Picasso. Proveniente dalla collezione del businessman e vincitore dell’America’s Cup nel ’92 William I. Koch, il dipinto fu realizzato nel 1901, appena dopo il successo della prima esposizione parigina di Picasso alla galleria Vollard.
Gli altri highlights della serata sono stati un esemplare del 1908 delle ninfee di Monet, passate al nuovo proprietario per 33,9 milioni di dollari; Paysage sous un ciel mouvementé dipinto da van Gogh durante il suo soggiorno provenzale e battuto per 54 milioni di dollari; mentre l’ultima tra le cinque tele di Kazimir Malevich che furono restituite agli eredi dell’artista russo dallo Stedelijk Museum di Amsterdam (di cui vi avevamo raccontato la storia qui) ha confermato le stime iniziali, raggiungendo la cifra di 37,8 milioni di dollari.
Sotheby’s ha così toccato gli 1,67 miliardi di dollari, il più alto fatturato annuale per la categoria arte moderna e impressionista nella storia dell’azienda, superando quello del 2014 di 1,43 miliardi. E la stagione delle aste non è ancora finita…

– Marta Pettinau

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community