Architetto Italiano 2015. Ecco tutti i vincitori dei premi assegnati dal Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori

Print pagePDF pageEmail page

Vincenzo Latina, Residenze Le case Blu, Tremilia, Siracusa

Vincenzo Latina, Residenze Le case Blu, Tremilia, Siracusa

Valorizzare l’eccellenza della nuova generazione di progettisti italiani. Queste le basi sulle quali in occasione della Festa dell’Architetto sono stati assegnati tre importanti premi, banditi dal Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori. La giuria – presieduta da Stefano Boeri con Raul Pantaleo, Alessandro Cambi, Giuseppe D’Angelo, Filippo Delle Piane, Leopoldo Freyrie, Margherita Guccione – ha conferito a Vincenzo Latina (Siracusa) il Premio Architetto Italiano 2015 per “la sua capacità di affermare la qualità del progetto quale elemento fondante nella definizione dei processi di trasformazione urbana che sono declinati con rara sensibilità e attenzione verso il patrimonio culturale e urbano”. Allo Studio Demogo (Treviso) invece va il riconoscimento Giovane talento dell’architettura italiana 2015 per il progetto del Municipio di Gembloux, in Belgio. Assegnato al progetto spoon. CITY, di Lucia Rampanti e Caterina Pilar Palumbo il Premio Raffaele Sirica – start up giovani professionisti.
È stato poi assegnato il Premio speciale della Giuria Architetto italiano 2015 a Geza – Gri & Zucchi Architetti associati (Udine), mentre le due Menzioni d’onore della Giuria Giovane talento dell’architettura italiana 2015 sono state attribuite a John Salvatore Liotta/Laps (Favara) per il progetto della Galleria d’arte XL Farm cultural farm a Favara, nell’agrigentino, e allo studio AM3 Architetti Associati (Palermo) per il progetto del Lungomare di Balestrate, provincia di Palermo. Segnalati, per la loro qualità progettuale e realizzativa, i progetti degli under40: Mauro Crepaldi per il Polo cimiteriale di Copparo (FE); Matteo Facchinelli per il Centro tecnico municipale Rixheim (Fr); Diverserighestudio/Simone Gheduzzi, Nicola Rimondi, Gabriele Sorichetti per Casalogica, Bologna; Peter Pichler per le Mirror Houses a Bolzano e B22/Stefano Tropea con l’ Edificio Cascina Merlata, a Milano. La cerimonia di premiazione si terrà il prossimo 18 dicembre nella sede del Consiglio Nazionale degli Architetti.

– Giulia Mura

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community