Amedeo Modigliani da record, 170 milioni di dollari da Christie’s New York. Nu couché è la seconda opera più pagata della storia. Record anche per Lichtenstein a 95 milioni

Print pagePDF pageEmail page

Amedeo Modigliani, Nu Couché (1917)

Amedeo Modigliani, Nu Couché (1917)

Si attendevano i fuochi artificiali, e sono arrivati puntuali: con i nuovi record d’asta per due giganti della storia dell’arte e del mercato come Amedeo Modigliani e Roy Lichtenstein, e con 34 lotti che hanno portato a casa più di 491 milioni di dollari. Anche noi di Artribune già due mesi fa segnalavamo l’importanza dell’asta The Artist’s Muse, da Christie’s New York: e le possibilità per grandi risultati, specialmente per il celebre dipinto Nu couché (Nudo disteso), dell’artista livornese.
E le previsioni si sono puntualmente avverate: il dipinto di Modigliani, stimato intorno ai 100 milioni di dollari, è salito nella sequenza di quasi 10 minuti di rilanci fino a 170.405.000 dollari, nuovo record per l’artista e seconda opera più cara di tutti i tempi, dopo Les femmes d’Alger (Version O) del 1955 di Pablo Picasso, battuta sempre da Christie’s lo scorso maggio a New York per 179 milioni di dollari.
Il nudo disteso, datato al 1917, ha fatto parte della collezione del milanese Gianni Mattioli: e rumors sussurrano che a verdere l’opera sia stata la storica dell’arte Laura Mattioli Rossi, figlia del collezionista e fondatrice nel 2014 del Cima, Center for the Italian Modern Art di Soho. Nell’asta delle meraviglie della serata del 9 novembre record anche per un opera di Roy Lichtenstein, grande protagonista della pop-art, il cui dipinto The nurse del 1964 è stato venduto a 95,365 milioni di dollari.

Roy Lichtenstein, The nurse

Roy Lichtenstein, The nurse

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community
  • “Dipingere una donna significa possederla”, così diceva Amedeo Modigliani, nato a Livorno, maledetto a Parigi, morto giovanissimo, povero in canna ma con l’arte negli occhi. Amedeo Modigliani da record, 170 milioni di dollari da Christie’s New York. Nu couché è la seconda opera più pagata della storia.

    Ora anche Amedeo dall’alto dei cieli direbbe grazie al cazzo come nella canzone Fabri Fibra ecco la strofa:

    Tutto in un giorno non si può
    Lo sapeva anche Van Gogh che piangeva
    La notte dopo che dipingeva
    Da ragazzo non vendeva
    I quadri che oggi sono
    I più cari al mondo
    Ora dall’alto dei cieli direbbe grazie al cazzo
    La stessa cosa è successa a Nicola Tesla
    Con l’idea fissa in testa
    E zero soldi in tasca
    Mentre io chiamo col cellulare lui direbbe bella questa
    Come chi osservava il Titanic in partenza da Belfast,
    Lo sa bene lo scienziato
    Può darsi che la morte arrivi
    Prima del successo che apre le porte
    Una vita per una scoperta che non vedrai mai davvero
    Come chi scrive una canzone
    E muore prima di vedere che la balla il mondo intero!

  • Modigliani ora si
    che si parla italiano, ricordo che questa opera veniva pubblicata su
    quasi tutti i libri di Storia dell’Arte per le Scuole Secondarie di
    Primo Grado cioè scuole Medie, visto che faceva molto scalpore il
    dipinto è stato quasi del tutto censurato ed eliminata l’immagine .
    Ora si che fa una sacco bello, vedere un’opera venduta a 170 milioni di dollari va ripubblicata a caratteri cubitali sui libri di Storia dell’Arte
    Modigliani ora si che si parla italiano, ricordo che questa opera
    veniva pubblicata su quasi tutti i libri di Storia dell’arte per le
    Scuole Secondarie di Primo Grado cioè scuole Medie visto che faceva
    molto scalpore il dipinto è stato quasi del tutto censurato ora si
    che mi fa una sacco bello vedere un opera venduta a 170 milioni va
    ripubblicata a caratteri cubitali sui libri di Storia dell’Arte
    meditate gente.

  • Pingback: Amedeo Modigliani da record in asta a Londra | Artribune()