Achille Bonito Oliva introduce “L’albero della cuccagna”. Una mostra diffusa, per Expo 2015

40 artisti, 40 musei e fondazioni d'Italia, un'immagine semplice che dischiude una serie di significati complessi: Achille Bonito Oliva presenta in un video "L'albero della cuccagna"

Print pagePDF pageEmail page

L’albero della cuccagna è un mito celtico che proviene dal Nord Europa e si diffonde tra molteplici geografie, attraversando secoli di storia. Indica abbondanza, divertimento, nutrimento”. Achille Bonito Oliva introduce, con un piccolo contributo critico, il suo grande progetto diffuso, concepito in occasione di Expo Milano 2015. Curata dal noto critico d’arte, la mostra mette insieme 43 artisti di diverse generazioni, le cui opere – tutte ispirate al cibo, partendo dall’iconografia e la simbologia di questo gioco antichissimo – sono disseminate fra altrettanti musei o fondazioni pubbliche e private in 19 regioni italiane.

Goya, L'albero della Cuccagna

Goya, L’albero della Cuccagna

Dalla Valle d’Aosta alla Sicilia “L’albero della cuccagna” riporta, con un’immagine tradizionale ed immediata, a quella dimensione ludica, mitologica, popolare e gioiosa, che traduce il tema del cibo nel concetto ancestrale della prosperità, spingendo il ragionamento verso una serie di implicazioni sociali ed economiche: l’emergenza alimentare del pianeta, le problematiche ambientali, le aree geografiche colpite da carestia, povertà, siccità.
Un intreccio di riferimenti colti con cui costruire una rete di opere eterogenea, allargata, complessa.
La mostra”, conclude Bonito Oliva, “è un massaggio al muscolo atrofizzato della sensibilità collettiva. Vuole produrre emozione e conoscenza, attenzione e divertimento, ma anche riflessione su temi che riguardano la storia del nostro presente e le difficoltà del nostro vivere quotidiano”.

Helga Marsala

Gli artisti e le sedi:

PESCARA – Centro storico – ETTORE SPALLETTI
MONTESILVANO – Ex Stella Maris – FELICE LEVINI
POTENZA – Museo Archeologico Provinciale – TOMASO DE LUCA
MATERA – Centro storico – ELISABETTA BENASSI
CATANZARO – Museo MARCA – H.H. LIM
RENDE (CS) – Museo del Fumetto – GRAZIA LA PADULA
NAPOLI – Museo Archeologico Nazionale – LUIGI ONTANI
NAPOLI – Museo Madre – MARCO BAGNOLI
NAPOLI – Castel Sant’Elmo – MAURIZIO ELETTRICO
NAPOLI – Fondazione Morra (Vigna San Martino) – PAUL RENNER
NAPOLI – Fondazione Morra Greco Project Room – LORENZO SCOTTO DI LUZIO
FISCIANO (SA) – Campus UNISA, Università degli Studi di Salerno – COSTAS VAROTSOS
PADULA – Certosa di San Lorenzo – EMILIANO MAGGI
BOLOGNA – Museo MAMBO – BERTOZZI & CASONI
PIEVE DI CENTO (BO) – MAGI ’900 Museo delle eccellenze artistiche e storiche – CLAUDIO COSTA
FAENZA (RA) – MIC Museo Internazionale delle Ceramiche – GIUSEPPE DUCROT
ROMA – GNAM Galleria Nazionale d’Arte Moderna – SISLEY XHAFA
ROMA – MAXXI Museo delle arti del XXI secolo – PEDRO CABRITA REIS
ROMA – MACRO Museo d’arte contemporanea di Roma – GIANFRANCO BARUCHELLO
GENAZZANO (RM) – CIAC Museo Colonna – SHAY FRISCH PERI
FRASCATI (RM) – Scuderie Aldobrandini – GIOVANNI ALBANESE
GENOVA – Museo d’Arte Contemporanea di Villa Croce – DINO INNOCENTE
MILANO – Fondazione Hangar Pirelli Bicocca – PATRICK TUTTOFUOCO
MILANO – Fondazione Mudima – BEN VAUTIER
BERGAMO – GAMeC – MARINELLA SENATORE
MONTEFORTINO (FM) – La Roccaccia – Parco Nazionale dei Monti Sibillini – FRANCO LOSVIZZERO
VENAFRO (IS) – Castello Pandone Museo Nazionale del Molise – ALESSIO ANCILLAI, THORSTEN KIRCHHOFF
CASACALENDA (CB) –  Maack Kalenarte Museo – BALDO DIODATO
RIVOLI (TO) – Castello di Rivoli – LARA FAVARETTO
TORINO – Fondazione Merz – ALFREDO JARR
TORINO – Fondazione Sandretto Re Rebaudengo – SEBASTIAN LLOYD REES
BIELLA – Cittadellarte / Fondazione Pistoletto – MICHELANGELO PISTOLETTO
LECCE – Complesso monumentale Carlo V – Mimmo Paladino
NUORO – Museo MAN – REMO SALVADORI
PALERMO – Cantieri culturali alla Zisa – STEFANIA CALEGATI
GIBELLINA (TP) – Fondazione Orestiadi – ALFONSO LETO, JONIDA XHERRI
SAN GIMIGNANO (SI) – Galleria Continua – PASCALE MARTHINE TAYOU
BOLZANO – Museion – GOLDSCHMIED & CHIARI
ROVERETO (TN) – MART, Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto – MASBEDO
SPOLETO (PG) – Rocca di Albornoz – LUCA MARIA PATELLA
BARD (AO) – Forte di Bard – MARZIA MIGLIORA
VENEZIA – Ca’ Pesaro – PER BARCLAY

 

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community