Piero della Francesca e Alberto Burri: un’audace rivisitazione. Il film, su Sky Arte

Piero della Francesca e Alberto Burri? Cinque secoli di distanza non sono un abisso. Classici, tragici, luminosi e rivoluzionari. Due geni a confronto. Dopo la mostra, il film. Preceduto da un trailer, in esclusiva su Artribune Tv

Print pagePDF pageEmail page

Che cos’hanno in comune Piero della Francesca e Alberto Burri, uno dei padri dell’Umanesimo e un maestro del Novecento, pioniere di una pittura oggettuale piena di forza e di materia.
L’inedito parallelo è alla base della mostra  “Rivisitazione: Burri incontra Piero della Francesca”, svoltasi presso la Pinacoteca Civica di Sansepolcro, con la cura di Bruno Corà. Rivoluzionari, conterranei, ma anche insospettabilmente Da qui è nato il documentario “Alberto Burri e Piero Della Francesca. Le due rivoluzioni”, diretto da Luca Severi e coprodotto da Sky Arte HD e Zen Europe, con la partecipazione di Kinethica, Rivisitazione, Ibiscus Media. Sky Arte HD (120 e 400 di Sky) lo manda in onda in prima visione assoluta giovedì 12 marzo alle 20.15.

Piero della Francesca, La Resurrezione ; affresco eseguito tra il 1450 e 1463; cm. 225x200

Piero della Francesca, La Resurrezione ; affresco eseguito tra il 1450 e 1463; cm. 225×200

Il film mette in fila una serie di riflessioni e di commenti: gli artisti Michelangelo PistolettoBruno CeccobelliJannis KounellisMassimiliano Marianelli (Professore di Storia e Filosofia all’Università di Perugia), Riccardo Lorenzi (ideatore della mostra “Rivisitazioni. Burri incontra Piero della Francesca”), Bruno Corà (Presidente Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri), Andy (artista e musicista), Salvatore Sciarrino (compositore) e Chiara Sarteanesi (curatrice museale della Fondazione Palazzo Albizzini, Collezione Burri) esplorano gli universi intellettuali di Piero e di Burri, cercando relazioni, affinità, riflessi, prossimità, distanze.
Un trailer inedito, confezionato ad hoc per Artribune Television, anticipa l’evento di Sky. In esclusiva, un assaggio di un minuto e mezzo, nell’attesa della prima.

 

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community
  • anche ascoltando coloro che parlano nel video, mi sembra che l’analogia tra i due artisti sia molto forzata e tirata per i capelli. Poi vi chiedo cosa vuole dirci Pistoletto: l’arco in Burri??? Dove? Piero Della Francesca ha usato un arco sullo sfondo in un suo quadro, quindi pensava a quanto peso l’arco potesse sostenere? Parole in libertà per il Pisto.

    Il grande valore di Burri è il fascino per la materia, senza tante stampelle intellettuali. Come dovrebbe avvenire nella vita anche per altre cose.