Dimora Distilia. Paesaggio e ospitalità a San Cesario di Lecce

Prosegue la nostra ricognizione nel mondo della hospitality pugliese. Stavolta la destinazione è la Dimora Distilia, a San Cesario di Lecce.

Sin dal primo momento si intuisce che il luogo vuole offrire uno sguardo moderno su ciò che è antico: lo si comprende guardando verso la grande volta d’ingresso, dove l’intervento del duo di artisti siciliani Antonella Genuardi e Leonardo Ruta offre una prospettiva diversa dal solito. È proprio questo che spinge a scoprire le dimore più particolari: capire come ogni cosa possa essere rielaborata, come niente debba permanere in una staticità storica eterna.
A guidarci stavolta è Elisa De Pascalis, una giovane travel designer con esperienze in India e nel mondo dell’ospitalità d’eccellenza pugliese.

LA DIMORA DISTILIA

Percorriamo l’intera Dimora Distilia, nei suoi sette appartamenti, ognuno con un nome diverso, associato alle diverse piante che venivano distillate a Monteroni, piccola cittadina vicinissima a Lecce, famosa appunto per le sue distillerie storiche (da segnalare la Distilleria de Giorgi, che ospita anche collezioni di arte contemporanea). Distilia è infatti una crasi tra il verbo distillare e il nome della proprietaria, Lilia, la mente dietro a ogni dettaglio del progetto, curato insieme allo studio di architettura XX03 di Andria. L’idea di ristrutturare l’edificio è nata da una visita nel Salento da parte di Lilia e del marito, entrambi curatori di una galleria di design, innamoratisi del luogo.

Distilia Dimora Salentina, San Cesario di Lecce. Image courtesy Distilia Dimora Salentina
Distilia Dimora Salentina, San Cesario di Lecce. Image courtesy Distilia Dimora Salentina

GLI APPARTAMENTI DI DISTILIA

La visita comincia dall’appartamento Angelica: nel dialogo tra innesti contemporanei e stile neoclassico, il celeste della sala degli specchi pone in uno stato di serenità, esaltato, nella stanza da letto rosa, dal letto dorato progettato da Osvaldo Borsani. Ogni elemento è armonioso, ogni spazio stimola l’intelletto. La compresenza di nuovo e antico abbraccia anche la declinazione del sacro nell’appartamento Anice, dove mobili di Pagano illuminati da applique di Lelli fanno strada verso un’antica cappella con altare. Si esce poi nel giardino con piscina e anche qui colpisce il connubio di passato, tra i rami di antiche piante rare, accuratamente selezionate, e presente: una scala in acciaio bianca, infatti, conduce agli spazi superiori del palazzo, dove lo sguardo vaga tra il colore dell’acqua, il morbido aranceto e le linee di tetti delle chiese e case, in un contesto dove tutto mantiene l’autenticità, tra insegne di vecchie botteghe, premiate pasticcerie e mercerie fondate quasi un secolo fa.
L’appartamento Genziana è irrorato di luce grazie alle aperture che affacciano sul terrazzo riservato, mentre l’appartamento Ginepro, con le sue grandi viste su case, chiese e aranceto, stimola ancora una volta l’immaginazione.

Elisa Cazzato

www.distilia.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Elisa Cazzato
Nata in provincia di Lecce nel 1991, dopo il liceo classico si è laureata in Scienze linguistiche e letterature straniere presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore a Milano, ha vissuto un breve periodo nella Spagna mediterranea ed è approdata a Roma per seguire un master in comunicazione culturale presso la Sapienza di Roma. Sin da piccola è sempre stata appassionata di lettura, musica, teatro, architettura.