5+1AA progetta la nuova sede romana di BNL BNP Paribas. Ecco le immagini, apertura nell’estate 2017

75mila i metri quadri, 253 i metri lineari di lunghezza, 83 i milioni di investimento. Peluffo e Femia dimostrano che realizzare architettura di qualità è ancora possibile, a Roma

5+1AA, nuova sede BNL BNP Paribas, Roma
5+1AA, nuova sede BNL BNP Paribas, Roma

È il cielo di Roma il paragone, l’ispirazione e la meta a cui ultimamente l’architettura contemporanea della capitale mira e si confronta. Tra “Roma e il cielo”, era, ad esempio, il titolo della serata inaugurale della Nuvola di Fuksas appena una settimana fa. Ed è a questo stesso cielo che con eloquenza si rivolge il nuovo centro direzionale della BNL BNP Paribas, che dall’estate 2017 vedrà operativa la sua nuova sede ammiraglia per 3500 dipendenti a Roma Tiburtina. “Restituire il cielo, deformandolo” la mission dei progettisti, i 5+1AA, al secolo Gianluca Peluffo e Alfonso Femia: 75mila i metri quadri, 253 i metri lineari di lunghezza, 83 i milioni di investimento affrontati dal gruppo bancario per riunire i suoi dipendenti in un’unica sede, ma soprattutto per modificare le modalità di lavoro e la logistica di gruppo, grazie alla scelta di predisporre uffici open space con vista panoramica. Un edificio portato a termine in cinque anni: il tempo corretto per un’opera del genere, si direbbe, se non apparisse un tempo brevissimo per gli endemici ritardi a cui sono solite essere sottoposte le realizzazioni nella città eterna.

UN CUNEO URBANO
Una stecca longitudinale da dieci piani che costeggiando i binari guarda Pietralata e si inserisce come un cuneo urbano tra il denso tessuto abitativo e l’infrastruttura ferroviaria. Un prisma elegantissimo – sia dentro che fuori, grazie a scelte materiche azzeccate – che si offre alla città come una quinta, scenario in grado di riflettere l’intorno e mutare al mutare delle ore, delle stagioni, delle condizioni climatiche. Una massa architettonica dotata di un doppio sistema di facciata, di pieni e vuoti che si rincorrono, di affacci e visuali prospettiche, capace di rarefarsi al punto da scomparire quasi, se vista dalla rastrematura in punta. Un’opera straordinaria, audace, contemporanea, internazionale: non solo perché realizzata nei tempi e nel budget, ma anche per il dialogo che innesca col territorio e per le sue caratteristiche linguistiche, estetiche e formali. Uno spazio dinamico pensato non solo per chi ci lavorerà – gli interni sono ora in fase di allestimento grazie al lavoro dello studio Next Urban Solutions (Roma) con lo studio Paolo Mantero architetto (Milano) – ma anche per chi da fuori arriva col treno nella capitale.

Giulia Mura

www.5piu1aa.com

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Mura
Architetto specializzato in museografia ed allestimenti, classe 1983, da anni collabora con il critico Luigi Prestinenza Puglisi presso il laboratorio creativo PresS/Tfactory_AIAC (Associazione Italiana di Architettura e Critica) e la galleria romana Interno14. Assistente universitaria, curatrice e consulente museografica, con una forte propensione all'editoria e allo sviluppo di eventi e progetti culturali, per il magazine PresS/T letter e per il format Archilive ha curato una rubrica sui libri d'architettura. È stata caporedattrice per la rivista araba Compasses e da anni collabora come freelance per testate italiane e straniere; con continuità è presente nella versione online e onpaper di Artribune. È co-founder di Superficial, studio creativo di base a Roma che si occupa di ricerca e sviluppo di progetti incentrati su: comunicazione, immagine, architettura, design, cultura, eventi, branding.