Tania Bruguera presidente di Cuba. L’artista lancia la sua candidatura alle elezioni 2018

Conosciuta per il suo impegno politico e sociale annuncia la propria candidatura per succedere a Raul Castro. Riscuotendo grandi riscontri anche all’estero

Tania Bruguera (foto Yali Romagonza)
Tania Bruguera (foto Yali Romagonza)

Un artista come primo ministro? Fatto. Quando Edi Rama è diventato prima sindaco di Tirana, poi capo del governo in Albania è stato un evento da ricordare anche per il mondo dell’arte. Ma una prima donna presidente e artista? Non si è ancora vista. A provarci è Tania Bruguera che lancia la propria candidatura a Presidente di Cuba per il 2018, con una “discesa in campo” che sta facendo parlare tutto il mondo. Nata a L’Havana nel 1968 e da sempre attiva artisticamente e politicamente (con le due pratiche spesso ad intrecciarsi), la Bruguera, con un curriculum espositivo internazionale che ha varcato le soglie di molteplici biennali, Documenta e musei internazionali, tra i più rilevanti al mondo, ha lanciato la propria candidatura attraverso un video, cliccabile su youtube, durante il talk di Hans Ulrich Obrist al Creative Time Summit  di Washington DC.  Nel video, girato con mezzi amatoriali, l’artista invita inoltre altri cubani a scendere in campo.

LA CANDIDATURA
Che l’annuncio sia una seria intenzione di fare politica o che invece sia una ulteriore rivendicazione di libertà da parte dell’artista, che si è distinta negli anni per il suo attivismo, non è dato di saperlo. Ciò che è certo è che molti l’hanno presa veramente sul serio. A partire dalla stampa internazionale e dal The Guardian che con un articolo di Jonathan Jones titola “Perché dobbiamo sostenere la candidatura della Bruguera alle elezioni cubane?” stressando sulle opportunità in termini liberali che Cuba potrebbe ottenere scegliendo una vera e propria svolta, un cambiamento rispetto alla storia precedente. Un’era in realtà che già sta arrivando autonomamente ad una svolta concreta, dopo 54 anni di famiglia Castro, con l’annuncio, la scorsa primavera del fratello di Fidel, Raul, ormai 82enne, che ha comunicato ai giornalisti che quello in corso sarà il suo ultimo mandato. Stando alle cronache del Paese, il favorito successore sarebbe Miguel Diaz-Canel, 52 anni e vicepresidente del governo Castro, in sostituzione di José Ramon Machado.

ARTIVISM, L’ULTIMO ANNO DI TANIA BRUGUERA A CUBA
L’artista gode già di grande sostegno in tutto il mondo. Proprio negli ultimi mesi vi avevamo raccontato della sua campagna di crowdfunding su Kickstarter per l’Artivism Institute Hannah Arendt, promotrice di una piattaforma, Instar, che invita artisti e attivisti di tutto il mondo a collaborare con i cubani per creare, in un momento delicato per la politica dell’isola, strumenti di pace per il cambiamento e per favorire l’alfabetizzazione civile.
Ispirato alle teorie politiche della filosofa tedesca-americana, ha inaugurato a maggio 2015 a L’Havana, dove si situa la sua sede, con una cento ore di letture e dibattiti attorno a le “Origini del Totalitarismo” pubblicato dalla Arendt nel 1951, al quale hanno preso parte circa cinquanta persone.
Con questo progetto la Bruguera, ha lanciato un appello invitando chiunque a sostenere il programma che, a partire da settembre 2016 invita per dodici mesi attivisti di tutto il mondo nella città cubana. Proprio negli ultimi mesi INSTAR si era apertamente schierata contro la detenzione dei giornalisti a Baracoa, mentre stavano cercando di raccontare i danni dell’uragano Matthew nella parte Est dell’isola, invocando la libertà di pensiero e di espressione per la categoria e anche attenzione su tutte le problematiche etiche che possono conseguire dal nascondere informazioni importanti su temi così sensibili.

Santa Nastro

http://artivismo.org/blog

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.

2 COMMENTS

  1. Bla bla bla… quale consenso? solo tra i chiaccheroni europei della Kurtura. La pagliacciata della sua manifestazione a Plaza de la Revolucion… ma ci credete a questi giochini da due soldi? Ogni volta che lei provoca per farsi arrestare è una festa con tanto di invitati telecamere e birre. Anche io se vado in campidoglio o in duomo a Milano a manifestare senza permesso vengo arrestato… ma il brrrivido porta godimento… Ma quale artista dissidente, provocatrice da due soldi. Non se la caga nessuno

Comments are closed.