Dopo 5 anni riapre a Palermo il Museo Archeologico Salinas con un nuovo allestimento

Riapre a Palermo il Museo Archeologico Salinas. Tra novità, scoperte e un aggiornato allestimento museografico, la Sicilia si riappropria della sua istituzione museale più antica

Museo Archeologico Antonino Salinas, Palermo
Museo Archeologico Antonino Salinas, Palermo

Dopo cinque anni di chiusura per restauri, il 27 luglio a Palermo ha riaperto le porte il Museo Archeologico Antonino Salinas. Sul complesso architettonico, anticamente un convento dei Padri Filippini – immerso nel cuore del centro storico della città a pochi passi dal Teatro Massimo – sono stati effettuati consistenti interventi di consolidamento delle strutture e di restauro pittorico, scultoreo e lapideo.
L’intero cantiere è costato 9 milioni di euro, ottenuti grazie a Fondi europei: restano da sistemare il primo e il secondo piano – lavori stimati per altri 2 milioni di euro – che potrebbero essere pronti già entro la fine del 2017.

LE SORPRESE DEL MUSEO
E non sono mancate le sorprese: durante il cantiere, sono emersi elementi seicenteschi e barocchi che erano rimasti imprigionati sotto le stratificazioni ottocentesche, come il solaio ligneo del primo piano e la pavimentazione del Terzo Cortile.
È stato rinnovato anche il progetto espositivo che, attraverso l’aggiornamento scientifico e la realizzazione di nuovi spazi, ha riportato alla luce frammenti architettonici, ceramiche e oreficerie che giacevano nei depositi del museo.

Museo Archeologico Antonino Salinas, Palermo
Museo Archeologico Antonino Salinas, Palermo

LE NUOVE SEZIONI
“Sono stati ricostituiti interi contesti” ha detto Francesca Spatafora, direttrice del museo, che in questi anni ha continuato l’attività espositiva, negli spazi disponibili a seconda del corso dei lavori “Per la prima volta vengono quindi esposti numerosi reperti: almeno il 30 per cento dell’intera collezione”.
Oltre alle sale sul sito archeologico di Selinunte, ne sono state allestite altre su Agrigento, Tindari, Enna, Randazzo e la contrada di Pizzo Cannita.
Per festeggiare il suo restyling, il museo sarà visitabile gratuitamente fino alla fine di ottobre. Intanto ecco le foto delle nuove sale e delle opere inedite…

-Desirée Maida

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.