Italiani in trasferta. Da Sissa Micheli a Francesca Romana Pinzari, 5 artiste protagoniste in Finlandia

Flavia Bigi, casaluce/geiger & [email protected], Juliana Herrero, Sissa Micheli, Francesca Romana Pinzari. Per una mostra itinerante che dopo il debutto a Bratislava giunge nel paese scandinavo

Transitions of energy, Museo d'arte di Kajaani
Transitions of energy, Museo d'arte di Kajaani

L’esposizione si propone di investigare “come l’energia dell’individuo e dell’ambiente interagisca con il flusso della vita in campi diversi”. E per farlo, Transitions of energy – questo il titolo – sceglie un ambiente molto particolare come quello offerto dal nord della Finlandia: dopo aver debuttato alla Kunsthalle di Bratislava, infatti, la mostra curata dall’italiana Lorella Scacco approda al Museo d’arte di Kajaani, e proseguirà nel corso del 2016 e 2017 in altre due sedi museali in due importanti città finlandesi, Kotka e Kokkola. Protagoniste cinque artiste internazionali, che vivono in Austria, Francia, Italia e Slovacchia e viaggiano tra queste nazioni, indagano diverse forme di energia e le sue transizioni: da Flavia Bigi a casaluce/geiger & [email protected], Juliana Herrero, Sissa Micheli, Francesca Romana Pinzari.
La società moderna”, si legge nella presentazione, “è quasi del tutto dipendente dall’energia sfruttata per lo più a livello industriale (in particolare nella sua forma meccanica, elettrica, chimica e termica) in tutti i suoi processi produttivi e organizzativi. Altre forme di energie, che i dizionari e le enciclopedie non citano, sono quelle spirituali, passionali, sociali, che ‘fanno muovere’ anch’esse l’umanità da tempi remoti. A tali forme di energie l’arte dedica le sue riflessioni, così come lo fanno anche le cinque artiste di questa mostra”. Che resta visibile fino a settembre: ma noi ve la raccontiamo con questa fotogallery…

http://www.kajaani.fi/taidemuseo

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.