Il New Museum di New York compie 40 anni e si allarga. Grande raccolta fondi per aumentare gli spazi dell’edificio progettato da Sanaa sulla Bowery

Il New Museum di New York festeggia quarant’anni di vita e dieci anni sulla Bowery. E lancia una campagna di raccolta fondi del valore di 80 milioni di dollari per sostenere l’espansione e la programmazione. 43 milioni sono stati già messi nel salvadanaio, grazie all’impegno e alle donazioni di diversi membri del Board of Trustee, […]

Il New Museum di New York festeggia quarant’anni di vita e dieci anni sulla Bowery. E lancia una campagna di raccolta fondi del valore di 80 milioni di dollari per sostenere l’espansione e la programmazione. 43 milioni sono stati già messi nel salvadanaio, grazie all’impegno e alle donazioni di diversi membri del Board of Trustee, primo tra tutti Toby Devan Lewis, Vice Presidente, che ha “aperto le danze”con l’elargizione più generosa nella storia del museo, alla quale sono seguite molte altre donazioni.
Siamo entusiasti di ricevere questo notevole sostegno da parte nostro Consiglio, in occasione di questo traguardo importante della storia del museo“, ha detto Lisa Phillips, direttrice del Museo. “La fiducia dei nostri Trustee nel futuro del New Museum e nel suo ruolo di agente per un cambiamento nel mondo della cultura contemporanea ci ispira e ci sostiene mentre continuiamo a crescere, aiutandoci a raccogliere la sfida su ciò che un museo può essere nel ventunesimo secolo.”
Ma la nuova sfida è quella di raccogliere gli altri 40 milioni di dollari necessari a conseguire il piano di espansione. Fondato nel 1977, il New Museum, che a quel tempo aveva uno staff composto da tre persone, è oggi una delle istituzioni leader della promozione culturale contemporanea. Con un direttore artistico che è una vecchia conoscenza italiana, Massimiliano Gioni, è oggi una istituzione che conta un budget annuale operativo di 13 milioni di dollari e uno staff di 135 persone. È inoltre promotore di una Triennale che dà voce ad artisti emergenti provenienti da tutto il mondo e un numero di visitatori annuali che supera le 400.000 persone annue. Dopo un decennio sulla Bowery, durante il quale gli spettatori sono cresciuti del 400%, il New Museum sta, per usare le parole dei suoi promotori, letteralmente esplodendo. Restaurare la proprietà adiacente al civico 231, offrirà al museo spazio aggiuntivo per costruire nuovi programmi, oltre a uffici e nuovi luoghi espositivi, rendendo l’obiettivo della raccolta fondi ancora più urgente.
Tutto questo consentirà al Museo di raddoppiare le sale per le mostre, le iniziative di carattere didattico, migliorando la circolazione, i servizi per il pubblico e l’esperienza dei visitatori.

-Santa Nastro

www.newmuseum.org

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.