Prime opzioni di Cecilia Alemani per il Padiglione Italia 2017? Fra gli invitati alle Spring Commissions della High Line c’è l’italiano Giorgio Andreotta Calò

Prima avvertenza: non prendeteci troppo sul serio. Articoli come questo sono evidentemente calembour logici, magari provocazioni dialettiche: non certo analisi critiche. Eppure: se un curatore appena selezionato per un’importante mostra, invita un determinato artista per un suo diverso progetto espositivo, vorrà pur dire che di quell’artista ha stima e fiducia? E questo non significa, ovviamente, […]

Giorgio Andreotta Calò

Prima avvertenza: non prendeteci troppo sul serio. Articoli come questo sono evidentemente calembour logici, magari provocazioni dialettiche: non certo analisi critiche. Eppure: se un curatore appena selezionato per un’importante mostra, invita un determinato artista per un suo diverso progetto espositivo, vorrà pur dire che di quell’artista ha stima e fiducia? E questo non significa, ovviamente, che questo si tradurrà in un’indicazione per il futuro, ma insomma… Il curatore in questione è Cecilia Alemani, da pochi giorni scelta per curare il Padiglione Italia alla Biennale Arti Visive di Venezia 2017. Con quale progetto espositivo, con quali nomi? Impossibile solo pensare di conoscerli in così breve tempo.

PRESENTE NELLA COLLETTIVA WANDERLUST
E qui entra in ballo l’altro progetto curatoriale, che poi è quell’High Line Art la cui direzione ha molto contribuito a costruire l’identità della critica italiana, moglie di Massimiliano Gioni. Accade che in questi giorni si conoscono le Spring commissions 2016 del progetto newyorkese, e fra i molti artisti invitati ci sia anche un nome italiano, e quindi papabile per un eventuale invito a Venezia. Si tratta di Giorgio Andreotta Calò, presente nella collettiva dal titolo Wanderlust al fianco di artisti come Valentin Carron, Iman Issa, Matt Johnson, Marie Lorenz, Tony Matelli, Paulo Nazareth, Mike Nelson, Roman Ondak, Susan Philipsz, Rayyane Tabet. Gli altri artisti coinvolti a vario titolo nelle commissioni sono Barbara Kruger, Nari Ward, Kathryn Andrews

art.thehighline.org

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.